Elezioni, Pietro Grasso: “Nessuno mi ha chiamato, nella mia vita non mai chiesto nulla”

Elezioni, Pietro Grasso: “Nessuno mi ha chiamato, nella mia vita non mai chiesto nulla”

PALERMO –La mia disponibilità era nota ma nessuno mi ha chiamato e io nella mia vita non ho mai chiesto nulla“.

Così’ l’ex presidente del Senato Pietro Grasso commenta all’ANSA l’appello lanciato da Maria Falcone che ha denunciato “un calo di attenzione verso le questioni della legalità che importanti forze politiche hanno mostrato nelle ultime campagne elettorali” lamentando la mancata ricandidatura di personalità come quella di Piero Grasso “che della lotta alla mafia ha fatto una ragione di vita”


Grasso, che è stato giudice a latere del maxiprocesso, procuratore di Palermo e capo della procura nazionale antimafia,  ha evitato qualsiasi polemica sulla sua mancata candidatura: “sono un uomo delle istituzioni – ha detto – lavoro da 53 anni e posso anche andare in pensione, ma di sicuro non smetterò di andare nelle scuole per parlare di legalità con i giovani e per raccontare l’impegno civile e il sacrificio di uomini come Giovanni Falcone e Paolo Borsellino“.
Grasso, che alle ultime politiche è stato leader di Leu, nelle cui fila sono stati eletti parlamentari oggi candidati con il Pd come l’ex presidente della Camera Laura Boldrini o il parlamentare siciliano Erasmo Palazzotto, non sarebbe stato dunque nemmeno interpellato dal segretario Letta. Una circostanza stigmatizzata da Maria Falcone, sorella del magistrato ucciso da Cosa Nostra e presidente della Fondazione a lui intitolata: “Non candidare chi ha fatto scelte coraggiose per difendere lo Stato e le istituzioni esponendosi a rischi gravi, ‘escludere’ chi puo’ dare un contributo fondamentale nella politica di contrasto alle mafie e’ un segnale pericoloso. E sappiamo tutti che le mafie vivono anche di segnali“.