Un mese dal sequestro dei pescatori in Libia, arriva un contributo di 2mila euro alle famiglie

Un mese dal sequestro dei pescatori in Libia, arriva un contributo di 2mila euro alle famiglie

PALERMO – Pescherecci sequestrati. Il consiglio di presidenza dell’Ars assegna 2mila euro a ogni famiglia dei pescatori di Mazara del Vallo sequestrati in Libia.


Micciché: “Il governo nazionale invii un diplomatico per accertare lo stato di salute dei nostri connazionali”.


Questa mattina ho sentito telefonicamente tutti i membri del Consiglio di presidenza dell’Assemblea regionale siciliana e abbiamo deciso di deliberare un contributo di 2mila euro per ogni famiglia dei 18 pescatori di Mazara del Vallo, sequestrati in Libia da oltre un mese.

Lo ha comunicato il presidente dell’Ars, Gianfranco Micciché, che ha esortato il premier Conte a mettere in atto ogni iniziativa utile per la liberazione degli ostaggi.

A questo punto – ha aggiunto Miccichè – chiedo che il governo italiano si adoperi immediatamente, anche inviando un diplomatico, qualora lo ritenesse opportuno, per ottenere notizie certe sullo stato di salute dei nostri connazionali”.

Immagine di repertorio