Strage di Capaci, Musumeci ricorda Falcone: “L’antimafia è ancora accompagnata da ipocrisia e retorica”

Strage di Capaci, Musumeci ricorda Falcone: “L’antimafia è ancora accompagnata da ipocrisia e retorica”

PALERMO – Io credo che l’antimafia vada predicata e praticata giorno dopo giorno nel silenzio del dovere, evitando speculazioni, per rendere omaggio al sacrificio che tante donne e tanti uomini hanno saputo e voluto compiere per fare migliore questa Sicilia e questa Italia“, queste le parole pronunciate dal presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci in occasione del 30° anniversario dalla strage di Capaci.

Trent’anni sono tanti e sono stati sufficienti a far cambiare una cultura radicata non soltanto in Sicilia: prima c’era la convinzione che la lotta alla mafia fosse solo un problema delle forze dell’ordine e della magistratura“, ha aggiunto il governatore.


Durante la manifestazione “1992-2022/La memoria di tutti” che ha avuto luogo stamattina a Palermo per ricordare l’indispensabile contributo di Giovanni Falcone, Musumeci ha proseguito così: “Dopo la drammatica stagione delle stragi del 1992 si è capito che la lotta alla mafia impegna tutti, ogni cittadino, ciascuno nel proprio ruolo

Oggi questa consapevolezza è cresciuta, anche se l’impegno antimafia molto spesso rimane accompagnato da ipocrisia e da retorica“, ha sottolineato Musumeci.

Fonte foto Ansa.it