Presunte infiltrazioni mafiose, ispezione a San Giuseppe Jato: al setaccio ordinanze sindacali, gare d'appalto e affidamenti

Presunte infiltrazioni mafiose, ispezione a San Giuseppe Jato: al setaccio ordinanze sindacali, gare d’appalto e affidamenti

Presunte infiltrazioni mafiose, ispezione a San Giuseppe Jato: al setaccio ordinanze sindacali, gare d’appalto e affidamenti

SAN GIUSEPPE JATO – È avvenuto questa mattina l’insediamento della commissione prefettizia che provvederà a eseguire l’accesso nel Comune di San Giuseppe Jato, in provincia di Palermo, dopo il provvedimento emesso dal prefetto di Palermo Giuseppe Forlani su delega del ministro dell’Interno.


La commissione, composta dal viceprefetto aggiunto Fulvio Alagna, dal vicequestore Carlo Nicotri, dal capitano dei carabinieri Marco Busetto e dal capitano della Guardia di Finanza Andrea Mascia, dovrà verifica che non vi siano state infiltrazioni mafiose all’interno dell’amministrazione comunale.


Nella giornata di oggi, quindi, è iniziata l’acquisizione dei documenti dagli uffici delle diverse aree: tecnica, finanziaria, sociale e polizia municipale. Particolare attenzione sarebbe stata prestata su alcune ordinanze sindacali. Al setaccio, quindi, gare d’appalto, affidamenti, incarichi, concessioni edilizie e tributi.

Adesso, la commissione prefettizia avrà 3 mesi, prorogabili di ulteriori 3, per poter accertare se vi siano state influenze mafiose e condizionamenti degli amministratori.

Fonte immagine: Google maps