Monreale "devastata" dalle fiamme, immagini da paura e racconti di rabbia e disperazione: circa 80 gli sfollati

Monreale “devastata” dalle fiamme, immagini da paura e racconti di rabbia e disperazione: circa 80 gli sfollati

Monreale “devastata” dalle fiamme, immagini da paura e racconti di rabbia e disperazione: circa 80 gli sfollati

PALERMO – Una situazione drammatica senza precedenti quella vissuta dalla comunità palermitana e trapanese nelle ultime ore a causa del terribile incendio divampato ieri, che ha colpito principalmente Monreale e le aree limitrofe fino ad alcuni comuni della provincia di Trapani (come Valderice).


Secondo le prime stime, ancora provvisorie, sarebbero almeno venti le famiglie rimaste senza casa, circa 80 persone in totale. Da 24 ore, vigili del fuoco provenienti da tutta la Sicilia e perfino dalla Calabria sono attivi per le operazioni di soccorso, così come numerosi volontari e tutte le forze dell’ordine.


Anche alcune scuole sono rimaste aperte per offrire aiuto agli sfollati e a chiunque avesse bisogno di beni di prima necessità. Fortunatamente, pare che non siano stati registrati feriti, ma i cittadini che hanno visto e vissuto le scene apocalittiche di poche ore fa non riescono a darsi pace e sono ancora sotto choc.

“Ha preso fuoco tutto, io sono rimasta pietrificata e gridavo per la paura”, scrive la fotografa Eliana Pensato, che ha condiviso immagini incredibili di quanto avvenuto ieri sui social. Il suo racconto si unisce a quello di decine di persone, che hanno visto amici e concittadini fuggire disperati e perdere tutto nell’arco di poco tempo.

Diversi appelli invitano l’intera comunità siciliana a intervenire e a donare quel che possono per rendere meno atroce la situazione di chi si trova in difficoltà.

Tanto il dolore, ma anche la rabbia per gli autori del devastante rogo, ancora ignoti: Nemici della Sicilia, vigliacchi! C’è chi ha perso tutto per le solite, infami speculazioni sulla pelle del nostro popolo”, commenta Giuseppe su Facebook.

Fonte immagine: Facebook – Eliana Pensato