Inquinamento nelle acque di Palermo, la Procura chiede il commissariamento di Amap

Inquinamento nelle acque di Palermo, la Procura chiede il commissariamento di Amap

PALERMO – La Procura del capoluogo siciliano ha chiesto al giudice per le indagini preliminari il commissariamento di Amap, l’ex municipalizzata che si occupa della gestione del servizio idrico a Palermo.

La richiesta è stata riferita alla Commissione parlamentare d’inchiesta sulle attività illecite legate al ciclo dei rifiuti da parte del Procuratore di Palermo, Francesco Lo Voi, ascoltato con i procuratori aggiunti Marzia Sabella e Sergio De Montis.


Durante l’audizione sarebbero emerse criticità nella gestione di diversi impianti di depurazione che avrebbero generato situazioni di inquinamento in diversi tratti di mare.

In particolare, sarebbero state accertate gravi situazioni di inquinamento nel mar Tirreno, nel golfo di Castellammare e nel fiume Nocella.

A seguito della richiesta di commissariamento, Amap avrebbe provato a migliorare gli impianti, modificando lo statuto e destinando gli utili alla manutenzione e all’ammodernamento dei depuratori.

Immagine di repertorio