Incendi in Sicilia, Musumeci a bordo di un elicottero della Polizia di Stato sorvola le aree maggiormente colpite

Incendi in Sicilia, Musumeci a bordo di un elicottero della Polizia di Stato sorvola le aree maggiormente colpite

PALERMO – Il presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci, a bordo di un elicottero della Polizia di Stato, ha sorvolato le aree delle Madonie e dei Nebrodi che sono state letteralmente “divorate” dalle fiamme a causa degli ultimi incendi che sono divampati.

Successivamente, insieme al capo della Protezione civile siciliana Salvo Cocina, al dirigente generale del dipartimento regionale dell’Agricoltura Dario Cartabellotta e al dirigente generale del dipartimento dello Sviluppo rurale Mario Candore, nella Sala polifunzionale del Comune di Gangi, il governatore ha incontrato il sindaco Francesco Paolo Migliazzo e i primi cittadini di Geraci Siculo, San Mauro Castelverde, Collesano, Scillato, Campofelice di Roccella, Pollina, Castel di Lucio, Mistretta, Nicosia, Valledolmo e Petralia Soprana.


Musumeci, a tal proposito, ha dichiarato: “Ho voluto incontrare i sindaci dei Comuni i cui territori sono stati devastati dagli incendi ai quali abbiamo assicurato l’intervento del governo regionale con provvedimenti di sostegno e di ristoro“.

Abbiamo già dichiarato lo stato di crisi e di emergenza e domani delibereremo la richiesta dello stato di emergenza nazionale. Speriamo che da Roma arrivino segnali positivi. Noi, intanto, attraverso il bilancio regionale, stiamo approntando le risorse per fare fronte alle prime spese necessarie affinché gli agricoltori possano riprendere la loro attività“, prosegue.

Nei giorni scorsi, tra l’altro, la Giunta siciliana ha deliberato lo “stato di crisi e di emergenza” per 6 mesi per via dei roghi che stanno devastando l’Isola e del rischio incendi sempre presente.