In fuga dall’Ucraina, la piccola Elisa e la madre atterrano a Palermo: “Un’esperienza terribile”

In fuga dall’Ucraina, la piccola Elisa e la madre atterrano a Palermo: “Un’esperienza terribile”

PALERMO – È atterrato questo pomeriggio all’aeroporto Falcone Borsellino di Palermo l’aereo che ha portato a casa l’ucraina Elena Pstux e le figlie Elisa, 8 anni, disabile in carrozzina, e la sorella Litiia di 23 anni.

Il volo della Ryanair, partito dalle 15,15 da Cracovia, è arrivato allo scalo di Punta Raisi con quindici minuti di anticipo.


Ad attenderle i giornalisti e il sindaco di Palermo Leoluca Orlando che aveva sollecitato l’intervento della Farnesina per aiutare Elena Pastux che era andata a Kiev con la piccola Elisa per riportare a Palermo anche la primogenita.

La donna e le due figlie erano però rimaste bloccate nella Capitale a causa dello scoppio della guerra e solo ieri sono riuscite, dopo un viaggio lungo e pericoloso, a raggiungere la Polonia.

È stata un’esperienza terribile- – ha raccontato la donna – Abbiamo passato diversi giorni nei rifugi insieme a tanti altri concittadini di Kiev senza sapere cosa fare. Giornate intere davanti alla televisione. Poi per fortuna un tedesco ha preso sua moglie e mi ha portato con se insieme alle mie figlie. Abbiamo viaggiato giornate intere, fermandoci solo quando c’era l’allarme anti aereo“.

Ringrazio tutti quelli che si sono adoperati per farmi tornare a Palermo – ha concluso Elena – In Ucraina la situazione è davvero tragica. Sono davvero in pena per quanti sono rimasti lì, ad iniziare da i miei parenti. Il nostro viaggio, la nostra fuga è stata terribile. In diversi momenti abbiamo avuto paura e temevamo di essere uccisi. Per fortuna in tanti si sono mobilitati per riportare me ed Elisa a Palermo“.

Foto di repertorio