Frode fiscale da oltre due milioni di euro, società cooperativa “macchina” per fatture false: arrestato rappresentante legale – DETTAGLI

Frode fiscale da oltre due milioni di euro, società cooperativa “macchina” per fatture false: arrestato rappresentante legale – DETTAGLI

PALERMO – Frode fiscale ed emissione di false fatture. Sono questi i motivi per i quali i finanzieri del comando provinciale di Palermo hanno eseguito un’ordinanza di applicazione di misure cautelari nei confronti di Franco Pindemonte, accusati di emissione di fatture per operazioni inesistenti.

Il giudice per le indagini preliminari ha disposto un sequestro preventivo di beni per un totale di oltre 385mila euro nei confronti dei rappresentanti legali di 5 società che pare utilizzassero le fatture false emesse dalla cooperativa riconducibile all’arrestato.

Le indagini sono state condotte dalle Fiamme Gialle di Carini (Palermo). Gli operatori hanno scoperto un caso di evasione, andato avanti dal 2014 al 2017, nella società cooperativa Team Service S.r.l., formalmente dedita a servizi di logistica collegati al trasporto di merci.

La verifica fiscale ha permesso di scoprire come in realtà la società operasse in realtà per fornire fatture per prestazioni di servizio inesistenti nei confronti di diversi clienti, per i quali documentava prestazioni di servizio per trasporti e facchinaggio di fatto mai effettuate. Le fatture emesse ammonterebbero a oltre 2 milioni e mezzo di euro.

Franco Pindemonte, originario del Lazio ma residente da tempo a Carini, è già gravato da precedenti penali per reati di tipo economico. Per questo, il giudice per le indagini preliminari ha disposto per l’uomo gli arresti domiciliari.

Inoltre, è stato disposto un sequestro preventivo di beni ai fini della successiva confisca relativo a diverse società:

  • Autotrasporti Lannino di Lannino Francesco & C. S.a.s., di cui è indagato il rappresentante legale L.F. (44 anni);
  • A&C Best Company Trasporti di Chinnici e Assisi G.B, di cui sono indagati gli amministratori A.G.B. (60 anni) e C.R.G. (53 anni);
  • LDM S.r.l., di cui è indagato il rappresentante legale C.A. (64 anni);
  • La Nuova Sicilia S.a.s., di cui è indagato il rappresentante legale G.C. (55 anni);
  • Gio Trasporti S.r.l. unipersonale, di cui è indagato il rappresentante legale G.D. (48 anni).

Immagine di repertorio