Emergenza Coronavirus in Sicilia, nel Palermitano rinviata scadenza bollette dell’acqua

Emergenza Coronavirus in Sicilia, nel Palermitano rinviata scadenza bollette dell’acqua

PALERMO – Il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, ha partecipato ieri in teleconferenza alla riunione dell’ATI Idrico di Palermo, insieme con il presidente dell’AMAP (Azienda Municipalizzata Acquedotto di Palermo) Alessandro Di Martino.

Nel corso della riunione è stato concordato che l’azienda, che è ente gestore del servizio idrico integrato in 34 comuni dell’ATO Palermo, in linea con gli indirizzi dell’ARERA (Autorità di Regolazione Reti e Ambiente) adotti ulteriori iniziative per sostenere le famiglie che a causa del Covid-19 stanno attraversando un periodo di difficoltà economica.


Già all’inizio dell’emergenza, l’AMAP aveva disposto la sospensione dei procedimenti di interruzione dell’erogazione per le utenze morose, riattivando anzi quelle già interrotte.

Nel corso dell’incontro di ieri, è stata decisa, in aggiunta ai provvedimenti già assunti, la sospensione temporanea delle fatture in scadenza e/o emesse dal 10 marzo al 5 maggio 2020 che potranno essere pagate entro il prossimo mese di luglio, anche in forma rateizzata e senza alcun addebito di costo e ciò fatte salve altre eventuali determinazioni in merito delle competenti autorità governative.

L’azienda continuerà inoltre a praticare forme di rateizzazione per importi riferiti a consumi antecedenti all’intervenuta emergenza sanitaria.

Allo stesso tempo è stato prorogato al 30 settembre il termine per l’invio dei moduli inerenti le attestazioni di Status Residente/Non Residente e il numero di componenti il nucleo familiare inizialmente previsto per il 30 giugno.

L’azienda – dichiara il presidente Alessandro Di Martino – sta continuando a mantenere in atto tutte le azioni previste per contrastare la diffusione del virus Covid-19, comprese le attività di sportello e la la lettura dei contatori, a tutela della salute dei cittadini e dei lavoratori. In ogni caso l’AMAP assicura la continuità dei servizi operativi indispensabili e non rimandabili, il pronto intervento e il controllo analitico sulla potabilità delle acque e sui reflui depurati“.

Il sindaco ha sottolineato “il ruolo di continuo supporto alla comunità che l’AMAP sta svolgendo e ha svolto in queste settimane, non solo a Palermo ma in un ambito ben più vasto. I provvedimenti adottati ieri di concerto con l’ATI confermano lo spirito sociale di un’azione aziendale improntata al servizio verso i cittadini, come già era avvenuto con la produzione e la donazione ad altre aziende e agli ospedali di prodotti igienizzanti difficilmente reperibili sul mercato. Ancora una conferma dell’importanza di garantire il controllo e la gestione pubblici del servizio idrico“.