Crisi idrica Palermo, convocato tavolo tecnico per trovare una soluzione

Crisi idrica Palermo, convocato tavolo tecnico per trovare una soluzione

PALERMO – Questa mattina si è svolto per via telematica, un tavolo tecnico convocato dal prefetto di Palermo Giuseppe Forlani in merito ai problemi idrici per la sospensione dell’erogazione della diga regionale Poma, presente nel capoluogo.

Erano presenti all’incontro anche i rappresentanti dell’Amap per il dipartimento regionale di acqua e rifiuti, Ati, Enel con la presenza del Commissario regionale del dissesto idrogeologico e il Genio civile. In seguito a ciò proprio l’Amap ha comunicato che comunque da questa mattina, la diga Poma è tornata a funzionare tramite il suo potabilizzatore, infatti l’acquedotto dovrebbe tornare in pressione in circa 24-36 ore. Si valuta per la giornata di domani una possibile interruzione della turnazione con l’erogazione nei comuni interessati.


Un‘ultima nota positiva della vicenda è stata diramata dall‘Enel, quella di poter attivare una fornitura parziale di circa 100 litri d’acqua al secondo partendo dal Comune di Piana degli Albanesi, nonostante le difficoltà già evidenziate, di tipo strutturale, della centrale di Casuzze a causa di un dissesto idrogeologico che interesserebbe anche del Monte Grifone dove vi è il Comune di Belmonte Mezzagno.

Foto di repertorio