Amazon, deposito smistamento in autunno in Sicilia: nuove posizioni lavorative aperte

Amazon, deposito smistamento in autunno in Sicilia: nuove posizioni lavorative aperte

PALERMO – Dal prossimo autunno sarà operativo un nuovo deposito di smistamento Amazon sito a Palermo e abbraccerà i clienti della Sicilia occidentale, principalmente Palermo, Trapani e Caltanissetta.

Nuove posizioni lavorative, infatti, saranno richieste: oltre 20 posti a tempo indeterminato e anche 90 autisti, sempre a tempo indeterminato. Da oggi ci si può candidare per le selezioni delle posizioni manageriali, tecniche e funzioni di supporto, attraverso il sito www.amazon.jobs.it. Per le altre selezioni, invece, si dovrà attendere qualche settimana in più.


Gabriele Sigismondi, responsabile di Amazon Logistics in Italia ha affermato: “Negli ultimi dieci anni siamo diventati uno dei più importanti creatori di posti di lavoro in Italia e siamo davvero felici di investire qui a Palermo con l’apertura di un nuovo deposito di smistamento che ci permetterà di offrire ai nostri clienti un servizio di consegna ancora più efficiente e creare nuovi posti di lavoro“.

La sicurezza e il benessere dei nostri dipendenti e del personale dei nostri fornitori terzi è la nostra priorità e, insieme ai nostri fornitori di servizi di consegna, ci impegniamo per offrire loro un ambiente di lavoro sicuro, moderno e inclusivo, con salari competitivi, benefit e ottime opportunità di crescita professionale“, conclude.

L’apertura nel quartiere Brancaccio da parte di Amazon di un deposito di smistamento conferma la grande attrattività internazionale, dal punto di vista economico, della città di Palermo. È significativa l’attenzione da parte di uno dei colossi dell’e-commerce mondiale che può anche costituire un’importante promozione internazionale delle attività produttive e commerciali palermitane. Questo si traduce in opportunità occupazionali fondamentali nella ripresa post-Covid e dunque di rilancio del territorio“, commenta il sindaco di Palermo Leoluca Orlando.

Fonte foto Flickr.com