Coronavirus Sicilia, parla Totò Cuffaro: “Il carcere in confronto una passeggiata, avevo paura di morire”

Coronavirus Sicilia, parla Totò Cuffaro: “Il carcere in confronto una passeggiata, avevo paura di morire”

PALERMO – Una dura battaglia contro il Coronavirus quella combattuta dall’ex presidente della Regione Siciliana Totò Cuffaro, che lo scorso 4 dicembre ha annunciato la notizia tramite i propri profili social.

Per l’ex politico è stato necessario l’intervento dei sanitari del 118. Sottoposto a Tac, in Cuffaro, i referti, avrebbero poi evidenziato un principio di polmonite. Da lì il trasferimento nell’ospedale palermitano Cervello, dove è stato ricoverato e sottoposto a ossigenoterapia.


A Younipa.it, il blog dell’università di Palermo, l’uomo ha dichiarato di aver vissuto momenti orribili durante i suoi 17 giorni di ricovero in Terapia Intensiva. La sua paura – stando a quel che avrebbe raccontato – era quella di non poter rivedere la moglie e i figli.

“Il carcere in confronto è stata una passeggiata, avrebbe aggiunto, spiegando che nonostante la difficoltà vissuta dietro le sbarre, quella di ritrovarsi di fronte a molti altri pazienti in pericolo di vita e di essere egli stesso uno di questi lo avrebbe distrutto psicologicamente.

L’uomo avrebbe concluso ringraziando tutti gli eroi in corsia” che lo hanno supportato e aiutato.

Fonte immagine: Facebook – Totò Cuffaro

 

Le parole dell’uomo