Soldi in cambio di voti, la denuncia social del sindaco di Cinisi: “Il consenso non si compra” – VIDEO

Soldi in cambio di voti, la denuncia social del sindaco di Cinisi: “Il consenso non si compra” – VIDEO

MESSINA – “Ho davvero l’amaro in bocca, il consenso non si compra“. Così Giangiacomo Palazzolo, sindaco di Cinisi e segretario regionale di Azione in Sicilia, su Facebook denuncia di essere stato avvicinato, durante la campagna elettorale a Messina, da qualcuno che gli ha chiesto soldi in cambio di voti.

Palazzolo ha presentato un esposto alla Procura su quanto accaduto.


Torno in albergo pensando a quello che ho vissuto oggi pomeriggio – racconta – una persona mi ha detto che se voglio crescere elettoralmente, se voglio voti, devo dare soldi. Non gli interessa se sono soldi miei o del partito, ma sono necessari. Questa persona mi ha anche detto che ne avrò riscontro perché nel suo quartiere il mio partito avrà l’1% in più di voti rispetto agli altri quartieri”.

Correre e far crescere il consenso con i soldi non appartiene a me e neanche a tanti altri politici di liste diverse. Questi episodi – aggiunge –  vanno denunciati alla Procura della Repubblica perché il consenso deve essere libero. E mi rivolgo a tutti quelli che non vogliono andare a votare perché ritengono il voto inutile: non lo ritenete mai inutile se non altro perché con il vostro consenso libero riducete a minoranza questi personaggi squallidi che portano voti in cambio di denaro. Non vendete mai il vostro consenso. La speranza è che questa mia denuncia pubblica possa servire anche a far tornare l’attenzione in Sicilia sul tema della legalità. Penso che quello che è successo a me, succede a tanti candidati e non è normale”.