Si finge intermediario AstraZeneca per vendere vaccini all’Umbria: messinese accusato di truffa

Si finge intermediario AstraZeneca per vendere vaccini all’Umbria: messinese accusato di truffa

MESSINA – Prosegue la campagna vaccinale in Italia ma occhio alle truffe. Il Nas di Perugia starebbe indagando su un tentativo di raggiro che, lo scorso gennaio, sarebbe stato messo in atto da un uomo di origini messinesi.

Quest’ultimo avrebbe proposto alla Regione Umbria l’acquisto di vaccini presentandosi come intermediario per conto di AstraZeneca Internazionale. Sul soggetto adesso verterebbe l’accusa di tentativo di truffa.


Si cerca di fare chiarezza sulla situazione. A tal proposito sarebbe stata chiesta ai carabinieri del capoluogo umbro l’acquisizione di alcuni documenti nella struttura del commissario straordinario per l’emergenza Covid Domenico Arcuri e l’Aifa, con lo scopo di capire i criteri e le modalità di distribuzione dei vaccini nelle Regioni.

La stessa attività verrà svolta anche nella sede della Regione Veneto con l’intento di “accertare i presunti proponenti di forniture di vaccino in deroga agli accordi con le Autorità centrali“.

Immagine di repertorio