Messina zona rossa, i migranti non ci stanno e scoppia una maxi rissa: 17enne in codice rosso in ospedale

Messina zona rossa, i migranti non ci stanno e scoppia una maxi rissa: 17enne in codice rosso in ospedale

MESSINA – Maxi rissa nel centro di accoglienza, pugni in faccia a un 17enne: trasportato in codice rosso nel vicino nosocomio.

Sarebbe successo nella giornata di ieri a Messina, dove nel centro di accoglienza di Sant’Antonio, intorno alle 11,30, circa 20 ragazzi si sarebbero azzuffati con calci e pugni nel cortile dell’edificio.


Pare che tutto sia iniziato con un litigio fra due degli ospitati nella struttura, poi ingranditosi e peggiorato tanto da impossibilitare i gestori del Centro a calmare gli animi. Unica possibilità è stata per loro quella di chiamare le forze dell’ordine, intervenute sul posto per sedare la rissa e trovatisi davanti anche un ferito.

Il ferito sarebbe un 17enne che – coinvolto anch’egli nella zuffa – avrebbe ricevuto un brutto pugno in faccia che inizialmente lo avrebbe “steso”, costringendo i sanitari del 118 intervenuti sul posto a trasportarlo verso un vicino ospedale in codice rosso. Al momento sembrerebbe che le sue condizioni di salute si siano già ristabilite.

Sembrerebbe intanto che all’interno del Centro di accoglienza i migranti non avessero preso bene la notizia delle nuove restrizioni che vigono sulla Provincia di Messina, non accettando di buon grado l’ordine di non poter uscire.

Immagine di repertorio