Si addormenta mentre allatta, neonato muore soffocato: le parole del marito

Si addormenta mentre allatta, neonato muore soffocato: le parole del marito

ITALIA – La Procura di Roma ha aperto un fascicolo per omicidio colposo contro ignoti sulla morte di un neonato di tre giorni avvenuta lo scorso 7 gennaio all’ospedale Pertini.

Il piccolo è deceduto per soffocamento: la donna si sarebbe addormentata durante l’allattamento.


Le parole del padre

Adesso a parlare è il padre del neonato: “Era sfinita dopo 17 ore di travaglio”.

Da lì l’accusa: “Abbiamo letto sul web i commenti di tante donne che hanno lamentato di essere state lasciate sole dopo aver partorito al Pertini. Tutte stremate dal parto. E tutte impossibilitate a prendersi cura come si dovrebbe di un neonato“.

Era sfinita ma le hanno subito portato il piccolo per l’allattamento. E hanno anche preteso che gli cambiasse il pannolino da sola. Ma lei non si reggeva in piedi. Non si è potuta riposare“, aggiunge secondo quanto riportato dai colleghi de Il Messaggero.

Quando ha scoperto tutto mi ha chiamato al telefono. Ma quando sono arrivato non c’era più nulla da fare. Non si è accorta che il bimbo stava male. Non l’hanno nemmeno svegliata“, sottolinea.

Non sappiamo bene chi se ne sia accorto. All’1,40 di notte è stato dichiarato il decesso“, spiega.

Non capiamo perché non hanno dato ascoltato le richieste della mia compagna, consentendole di riposare un po’ in tranquillità. Ci è caduto il mondo addosso all’improvviso. Siamo passati dall’essere le persone più felici della terra per l’essere diventati genitori al tormento d’aver perso tutto in un attimo“, conclude.

La replica dell’ospedale

Ci sono indagini in corso, non possiamo scendere nei dettagli – dice il direttore sanitario aziendale Giuseppe Gambale ma comprendiamo e rispettiamo il dolore dei genitori del neonato, abbiamo fornito agli inquirenti tutti i documenti e la cartella clinica utili all’inchiesta“.