“Il club dove nulla è obbligatorio”. Agenti non sono d’accordo e fanno irruzione: tutti senza mascherina, locale per scambisti chiuso

“Il club dove nulla è obbligatorio”. Agenti non sono d’accordo e fanno irruzione: tutti senza mascherina, locale per scambisti chiuso

Il Club è un circolo trasgressivo dove nulla è obbligatorio. Con la dovuta classe ci si può proporre, ma nessuno è tenuto a fare nulla per forza. Il Royal Club è un punto d’incontro tra coppie e singoli che vogliono assaporare emozioni, passioni e fantasie, senza limiti e limitazioni“, è quanto si legge all’interno della pagina del Royal Club Privè di Firenze, che si propone come una sorta di circolotrasgressivo“. Nella pratica si tratterebbe di un locale discambisti“, dove, come sopra scritto, “nulla è obbligatorio“, almeno secondo loro.


Non secondo la polizia, che ieri sera avrebbe fatto irruzione all’interno del club, multando il proprietario e disponendone la chiusura per 5 giorni. All’interno del Royal Club Privè non sarebbero state rispettate le disposizioni anti-covid. Il locale, infatti, sarebbe rimasto aperto anche dopo la mezzanotte e gli avventori sarebbero stati trovati sprovvisti di mascherina e senza nessun riguardo del distanziamento sociale.


Il club si trova nella periferia di Firenze, in zona Peretola. Secondo le varie ricostruzioni dei quotidiani locali, all’arrivo degli agenti di polizia si sarebbe scatenato un fuggi fuggi generale tra i clienti del locale, tanto che alcuni non sarebbero stati identificati.

I “trasgressivi” del Royal Club Privè si sono visti interrompere i loro “momenti di piacere“, magari sul più bello. Perché, diciamocela tutta, di fronte a una multa salata non c’è tempo per “assaporare emozioni, passioni e fantasie, senza limiti e limitazioni“.

Fonte immagine BarlettaLive.it