Fondi agricoli, azione per il contrasto di entrate illecite: l’impegno dei carabinieri della Tutela Agroalimentare

Fondi agricoli, azione per il contrasto di entrate illecite: l’impegno dei carabinieri della Tutela Agroalimentare

ROMA – L’azione di contrasto sulle illecite illeciti percezioni di fondi dell’Unione Europea, erogati a sostegno del comparto agricolo, condotta dai carabinieri per la Tutela Agroalimentare, ha portato negli ultimi tempi alla denuncia di 16 imprenditori agricoli, operanti in diverse aree del territorio nazionale, responsabili dei reati di “falsità ideologica commessa dal privato in atto pubblico” e “truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche”.

Gli agricoltori, attestando falsamente la disponibilità titolata di terreni di proprietà dello Stato (ISMEA) o di terzi privati, nonché il possesso di requisiti soggettivi ed oggettivi previsti per la presentazione delle domande di aiuto, inducevano in errore le Agenzie per l’erogazione dei fondi in agricoltura, ottenendo così indebiti percepimenti in seno alla Politica Agricola Comune (PAC), per complessivi 429.000 euro e causando grave danno al patrimonio pubblico.


Inoltre, si è proceduto a:

  • sottoporre a sequestro preventivo, finalizzato alla successiva confisca, di beni mobili e immobili per un importo complessivo di 176.000 euro;
  • irrogare sanzione amministrativa di 46.000 euro e inviare rapporto per danno erariale alla competente Procura della Corte dei Conti, finalizzato al recupero delle somme indebitamente percepite.