Emergenza Coronavirus, l’UE proroga le scadenze di revisioni e patenti: ecco cosa cambia in Italia

Emergenza Coronavirus, l’UE proroga le scadenze di revisioni e patenti: ecco cosa cambia in Italia

ITALIA – Per effetto del Regolamento Ue 2021/267 pubblicato il 16 febbraio, pubblicato il 22 e destinato a entrare in vigore il 6 marzo, l’Italia dovrebbe applicare integralmente la seconda proroga delle scadenze che riguardano i trasporti, e in particolare lo spostamento di 10 mesi per i controlli o rinnovi (come patenti e revisioni) in calendario tra il primo settembre 2020 e il 30 giugno 2021.

Dovrebbero dunque partire in questa settimana i nuovi provvedimenti messi in atto dall’UE, se l’Italia utilizzerà questa opportunità gli utenti avranno la possibilità di coprire i mesi che erano stati lasciati scoperti dal Regolamento Ue 2020/698 e dalle varie norme nazionali utilizzate per spostare le scadenze nel settore trasporti.


Più precisamente si era creato un problema per chi aveva scadenze originarie in gennaio e febbraio, due mesi in cui non era operativa alcuna proroga, generando multe (fra 173 e 346 euro) e comportando la sospensione dalla circolazione del veicolo o, nel caso di infrazioni accertate in autostrada, il fermo amministrativo. Fortunatamente l’articolo 19, comma 4, del Regolamento Ue 2021/267 afferma esplicitamente che la proroga (come quasi tutte quelle contenute nel provvedmento) è retroattiva, ma occorrerà che le autorità italiane preposte (ministero dell’Interno e/o della Motorizzazione) chiariscano chi ha diritto al rimborso delle sanzioni eventualmente già pagate.

Il problema è che le liste di attesa alla Motorizzazione sono lunghe e la revisione viene fissata per date posteriori anche di molti mesi. Occorre al riguardo una circolare che spieghi se la proroga Ue copre anche le revisioni prenotate entro la sua scadenza ma fissate per una data successiva a quest’ultima.

L’articolo 3 del nuovo regolamento proroga per un periodo di 10 mesi anche la validità delle patenti in scadenza nel periodo compreso tra il primo settembre 2020 e il 30 giugno 2021 si considera prorogata per un periodo di 10 mesi. Lo prevede l’articolo 3 del nuovo regolamento. Nel caso in cui, secondo il Regolamento Ue 2020/698, una patente abbia data di scadenza tra il primo settembre 2020 e il 30 giugno 2021, le nuove norme considerano la scadenza prorogata per sei mesi o fino al primo luglio 2021, se tale data è successiva.

Immagine di repertorio