Scuola e Covid, da oggi nuove REGOLE: ecco cosa cambia in base al Green Pass

Scuola e Covid, da oggi nuove REGOLE: ecco cosa cambia in base al Green Pass

ITALIA – Oggi è stato pubblicato il nuovo documento ufficiale in merito alla gestione della quarantena all’interno degli istituti scolastici. La documentazione è stata redatta da ISS, Ministero della Salute e Ministero dell’Istruzione.

Di seguito vi riportiamo i maggiori cambiamenti che avverranno da oggi in poi all’interno delle scuole.


Qual è l’iter se si scopre un positivo in classe?

In primis bisogna dire che se la Asl non può intervenire, sarà il dirigente scolastico insieme al referente Covid a dover individuare i possibili “contatti scolastici” dello studente positivo e a prescrivere le misure, seguendo le indicazioni contenute nel documento ufficiale.

La scuola dovrà poi comunicare le disposizioni da intraprendere agli studenti, ai genitori e agli insegnanti che sono venuti a contatto con il positivo entro le 48 ore precedenti l’insorgenza dei sintomi o l’esecuzione del tampone. Il referente Covid deve comunicare alla Asl le misure adottate. Il nuovo protocollo prevede allora di effettuare un tampone il prima possibile dal momento in cui si è stati informati del contatto (in “tempo zero” T0), se il risultato è negativo si può già rientrare a scuola senza fare la quarantena. Bisognerà poi effettuare un secondo tampone dopo cinque giorni (in “tempo 5” T5).

Se si riscontra un solo caso positivo

I compagni dello studente o del docente positivo devono fare il “tampone 0” il prima possibile: rientrano subito in classe se il risultato è negativo. Dopo altri cinque giorni faranno un altro test. Per i docenti la situazione è differente: se sono vaccinati devono fare il test e restare a scuola, se non lo sono vanno in quarantena per 10 giorni anche se il primo test è negativo. Per le altre classi non sono previsti provvedimenti, salvo disposizioni diverse della Asl.

Se si riscontrano due casi positivi

La situazione resta identica a quella sopracitata e vale allo stesso modo per studenti e docenti, differenziando dalla presenza o meno del vaccino o della negativizzazione. Nel caso della scuola primaria, in cui i bambini non possono vaccinarsi perché under 12, si procederà con la quarantena della durata di 10 giorni per tutti.

Se si riscontrano tre casi positivi

Dopo il primo tampone, anche se negativo, sia studenti che docenti finiscono in quarantena. L’isolamento dura 7 giorni per i vaccinati e 10 per i non vaccinati. Prevista la didattica a distanza.

Foto di repertorio