Covid Italia, vaccinato con Pfizer positivo alla variante sudafricana: “Il farmaco l’ha protetto”

Covid Italia, vaccinato con Pfizer positivo alla variante sudafricana: “Il farmaco l’ha protetto”

PIEMONTE – Un 50enne sarebbe stato trovato positivo alla variante sudafricana del Covid in Piemonte, dopo un test di ruotine effettuato all’ospedale di Chivasso. L’uomo, un poliziotto, avrebbe già ricevuto la seconda dose del vaccino Pfizer e sembrerebbe che proprio grazie alla copertura vaccinale la variante non l’abbia aggredito costringendolo all’ospedale. Il paziente, infatti, sarebbe totalmente asintomatico. Il 50enne sarebbe stato sottoposto a tampone per motivi di lavoro e avrebbe scoperto la sua positività alla variante del virus per puro caso.

Il professor Giovanni Di Perri, direttore della Clinica di Malattie Infettive dell’ospedale Amedeo Savoia, ha spiegato come il vaccino protegge contro la malattia, ma meno contro l’infezione. Proprio per questo principio, secondo le sue parole, la maggior parte dei casi di positività nei vaccinati è rappresentato da infezioni asintomatiche.


Inoltre, ha spiegato come la durata delle infezioni all’interno dei corpi dei vaccinati sia nettamente minore rispetto al tempo di permanenza di quelle naturali.

Di Perri ha inoltre fatto notare che i vaccini Pfizer, Moderna e Johnson&Johnson sembrano attivi contro la variante sudafricana, nonostante la stessa stia circolando a basso titolo in Italia da alcuni mesi e per il momento non ha preso alcuna prevalenza in quanto quella inglese evidentemente è più contagiosa. Il professore ha concluso rassicurando sul fatto che la circolazione delle varianti è sempre sotto attento monitoraggio.

Fonte foto Regione Siciliana