Coronavirus, da oggi l’Italia è in zona rossa: cosa si può fare e cosa no

Coronavirus, da oggi l’Italia è in zona rossa: cosa si può fare e cosa no

ITALIA – Coronavirus, tutta l’Italia è da oggi in zona rossa; come deciso dal premier Giuseppe Conte lo scorso 18 dicembre, da oggi lo Stivale è blindato. Si parte oggi – 24 dicembre 2020 – fino al 27 dicembre, e ancora dal 31 dicembre al 3 gennaio e nei giorni 5-6 gennaio. Per i giorni 28, 29, 30 dicembre e 4 gennaio, invece, è previsto un ritorno alla zona arancione.

Coronavirus Natale, ecco IL CALENDARIO


Ma vediamo nel dettaglio cosa è possibile fare in zona rossa e cosa no.

Italia zona rossa: cosa si può e non si può fare

  • Sarà vietata la circolazione, se non per motivi di lavoro, salute o comprovata necessità. Sono compresi nel provvedimento gli spostamenti per raggiungere le seconde case fuori regione.

coronavirus

coronavirus

  • Aperti supermercati, negozi di beni alimentari, farmacie, lavanderie, parrucchieri e barbieri.

coronavirus

coronavirus

  • Lo spostamento verso abitazioni private e le visite a congiunti non conviventi sono consentite soltanto una volta al giorno, in orario compreso tra le 5 del mattino e le 22, e con il limite di due persone. Queste persone potranno portare con sé i figli di età inferiore ai 14 anni, disabili e conviventi non autosufficienti, esclusi dal conteggio.

coronavirus

Zona arancione: cosa cambia rispetto alla zona rossa

La musica cambia, ma non di molto, in zona arancione e precisamente nei giorni 28, 29, 30 dicembre e 4 gennaio. Le attività potranno riaprire, ma il coprifuoco (dalle 22 alle 5) rimarrà in vigore e gli spostamenti tra Regioni (già vietati dal 21 dicembre) saranno possibili nuovamente solo dal 7 gennaio.

Ma vediamo nel dettaglio cosa si potrà o no fare:

  • Sarà vietato lo spostamento tra i Comuni senza autocertificazione. Unica eccezione per i territori più piccoli (fino a 5mila abitanti), i cui residenti potranno spostarsi entro un raggio di 30 chilometri. Nessuno spostamento, però, verso i capoluoghi di provincia.
  • Bar, ristoranti chiusi ma con possibilità di asporto fino alle 22 e domicilio senza restrizione. Negozi e centri commerciali saranno aperti, con le limitazioni già vigenti, fino alle ore 21.

Fonte immagine: Metropolitan Magazine