Rito della Luce: esperienza itinerante per il rilancio dei comuni siciliani - FOTO - Newsicilia

Rito della Luce: esperienza itinerante per il rilancio dei comuni siciliani – FOTO

Rito della Luce: esperienza itinerante per il rilancio dei comuni siciliani – FOTO

MESSINA – Il Rito della Luce di Antonio Presti rinnova la sua forza emotiva con l’Eresia invisibile della Bellezza e allo stesso tempo è pronto a trasformarsi diventando itinerante per poter rendere questa avventura dell’animo un vero motore per il rilancio dei comuni siciliani che necessitano di nuova linfa per il loro futuro. 

Nei tre giorni del Rito della Luce e del Solstizio d’Estate la bellezza si è manifestata attraverso la riflessione e le arti che, dalla musica alla poesia, hanno reso magica l’esperienza vissuta fra l’albergo museo Atelier sul Mare di Castel di Tusa e la Piramide 38° Parallelo di Motta d’Affermo.



Il bianco e la purezza d’animo hanno caratterizzato anche quest’anno il rito e simbolo ne è stata l’inaugurazione della mostra “Noi siamo Bellezza” che ha visto protagonisti i bambini Down, considerati da Antonio Presti la vera essenza della purezza. 

Di oltre 5mila persone il “popolo bianco” che ha partecipato agli eventi e oltre 300 gli artisti coinvolti che hanno reso il rito un momento di grandissima energia che quest’anno Antonio Presti ha dedicato all’eresia invisibile della bellezza, intesa come momento e atteggiamento per  manifestare il valore della differenza. “Bisogna scegliere e praticare l’etica della bellezza e rinnovare il valore del rispetto del bene comune”, ha detto l’artista.


Il prossimo Rito – ha annunciato il suo creatore – si sposterà sull’Etna e nella valle dell’Alcantara per creare un ponte di rinascita dei comuni che hanno necessità di una nuova linfa creativa e culturale per la loro rinascita. Questo, confermando comunque l’apertura della piramide per ogni solstizio d’estate”.

Nei piani dell’artista, che cercherà a breve un confronto con il presidente della Regione Nello Musumeci, c’è anche il desiderio di creare una fondazione mista pubblico privato che possa garantire il futuro della Fiumara d’arte, conservazione delle opere e la sua promozione culturale e turistica.

Con la necessità che la pratica della gestione delle stesse rimanga di competenza della Fondazione “perché non sia inficiata – come spiega l’artista – da logiche politiche o pratiche appartenenti alla cultura mafiosa”.

Nell’animo di Presti, che ringrazia affettuosamente il sindaco di Motta d’Affermo, Sebastiano Adamo, e il consorzio della Valle dell’Halaesa per la collaborazione alla manifestazione, c’è la consapevolezza di quanto sia potente la politica della bellezza e di quanto sia necessario esportarla ovunque ce ne sia bisogno, insieme alla conservazione di quanto già fatto con la Fiumara d’arte.

Sosteniamo questa grande manifestazione culturale – il primo cittadino di Motta d’Affermo, Sebastiano Adamo – nella consapevolezza che essa rappresenta una grande occasione di sviluppo culturale e turistico dell’intero comprensorio. Speriamo che il Rito possa tornare ad essere un appuntamento fisso, al quale possano partecipare anche le istituzioni regionali per una sua crescita sempre più strutturata”.

Una potenza emotiva “senza confini”, quella del rito così come la raccontano anche alcuni degli artisti che hanno partecipato alla manifestazione.

L’ho scoperto e non voglio più lasciarlo – ha affermato Alfio Anticospero di poterci essere anche in futuro”.

La coralità degli artisti che si sono spogliati della loro arte personale per una bellezza comune, alta – ha aggiunto Michele La Pagliaè ciò che rende unico questo Rito”.

L’eresia invisibile della bellezza – ha concluso Patrizia D’Antonaha dimostrato in questi giorni tutto il suo potere rigenerante per la cultura”.

Per rimanere sempre aggiornato scarica la nostra app.