“Vieni dietro la pizzeria”: droga richiesta con sms, trentamila euro al mese e legame con la Calabria - Newsicilia

“Vieni dietro la pizzeria”: droga richiesta con sms, trentamila euro al mese e legame con la Calabria

“Vieni dietro la pizzeria”: droga richiesta con sms, trentamila euro al mese e legame con la Calabria

GELALa droga recapitata direttamente a casa ai molteplici “clienti”, poi la ramificazione nei locali più importanti della movida di Gela, nel Nisseno.

Antonio Radicia e Rocco Grillo erano certamente due punti di riferimento dell’associazione messa in piedi per lo spaccio di sostanze stupefacenti, bloccata ai vertici da parte dei carabinieri di Gela ieri.



La struttura del gruppo vedeva come punto di riferimento il 34enne Radicia, poi tutti gli altri associati, tra cui Grillo ed Emanuele Brancato, quest’ultimo il principale fornitore di cocaina.

Il ruolo di Brancato era altresì fondamentale in quanto riusciva a gestire ingenti quantitativi di droga avendo contatti con trafficanti calabresi e, a sua volta, gestiva un grosso giro di spaccio.


L’indagine è stata resa ancora più complessa poiché, mediante intercettazioni, ci si è resi conto che è stato utilizzato un linguaggio criptico nelle comunicazioni tra i sodali e un largo utilizzo dei social. Per la vendita o richiesta della droga, le comunicazioni avvenivano esclusivamente tramite sms con schede telefoniche intestate a persone ignare di tutto, con i malviventi che provvedevano a sostituirle continuamente per evitare di farsi identificare.

In merito al linguaggio, al fine di accordarsi sulla quantità e luogo d’incontro, utilizzavano parole d’uso quotidiano come “caffè”, “merit”, “vieni a casa da 8”, per intendere una dose da 80 euro, “bingo”, vieni dietro la pizzeria da Dan 4”, per indicare il luogo e il quantitativo, in questo caso una dose da 40 euro.

Il giro d’affari gestito dal gruppo, nel corso di una giornata, era di almeno 800/1.000 euro, per un volume mensile di 24/30mila euro.

Per portare al termine l’operazione, denominata “Smart”, ci sono state intercettazioni telefoniche e ambientali della durata di un anno.

Immagine di repertorio

Per rimanere sempre aggiornato scarica la nostra app.