Sicula Leonzio-Catania 0-0: parità al “Nobile”, espulso Lodi nel finale. RIVIVI LA CRONACA

Sicula Leonzio-Catania 0-0: parità al “Nobile”, espulso Lodi nel finale. RIVIVI LA CRONACA

LENTINI – Il tecnico del Catania, Cristiano Lucarelli, l’ha definita “la partita più difficile della stagione”. Aimo Diana, allenatore della Sicula Leonzio, dal canto suo, deve far reagire la propria squadra. Certo, non sarà una sfida facile, ma sicuramente appagante: la prima “di notte” al “Nobile” di Lentini.

20,23 – finisce la partita! A Lentini è 0-0 tra Sicula Leonzio e Catania. Lodi nel finale viene espulso dal direttore di gara, probabilmente per qualche parola di troppo.




92’ – ultime energie, ancora nessuna rete. Gli schemi adesso sono saltati.

90’ – quattro minuti di recupero.

89’ – si attende la segnalazione del recupero.

87’ – ottima la girata di testa di Ripa, sul primo palo Narciso c’è e nega la gioia del gol al centravanti etneo.

82’ – la pressione del Catania viene allentata dalla Leonzio. Fallo del neo entrato Brodic, i padroni di casa respirano. Nella battuta, però, Narciso perde tempo e l’arbitro lo ammonisce.

81’ – doppia sostituzione Catania: dentro Brodic e Ripa, fuori Barisic e Curiale.

80’ – dieci minuti alla fine. Sempre parità al “Nobile”.

75’ – fallo su Bucolo dalla trequarti. Punizione per il Catania, Lodi alla battuta. La barriera respinge il tiro.

73’ – doppia sostituzione Sicula Leonzio: dentro Gammone, fuori Bollino. In campo anche Russo per Arcidiacono.

72’ – fallo di Di Grazia in attacco, punizione per la Sicula Leonzio.

70’ – doppia sostituzione Catania: fuori Mazzarani e Biagianti, dentro Bucolo e Rizzo.

68’ – angolo Catania e sul tentativo ancora di Mazzarani, la Leonzio salva sulla linea. Sul successivo corner, bagarre in area con Porcino che non riesce a realizzare il gol del vantaggio a pochi passi dalla porta di Narciso. Si resta 0-0.

68’ – buona occasione per il Catania: Bogdan fa da sponda per Aya nell’area piccola, Narciso ci mette una pezza sull’intervento di Mazzarani.

66’ – sostituzione Sicula Leonzio: dentro Foggia, fuori Lescano.

64’ – punizione per gli etnei: colpo di testa di Blondett che si perde alto, sopra la traversa.

62’ – sostituzione Catania: esce Manneh, dentro Di Grazia.

60’ – angolo per il Catania.

58’ – siamo quasi al quarto d’ora della ripresa, nessuna delle due squadre riesce a imporsi. Arcidiacono, funambolo della Leonzio, prova a inventare qualcosa in attacco, ma non è facile con la difesa etnea. Dall’altra parte, il Catania prova a sfruttare le fasce e ripartire in contropiede: tuttavia, i suoi avversari non lasciano spazi.

53’ – adesso il Catania prova a pressare gli avversari, facendosi vedere più presente nella metà campo dei bianconeri.

51’ – Arcidiacono prova la conclusione, ma la palla prende una traiettoria decisamente imprecisa. Rimessa dal fondo per il Catania.

48’ – la Leonzio prova a guadagnare metri con falli o rimesse laterali.

45’ – riparte il match. Il Catania attaccherà da sinistra verso destra, Leonzio dalla parte opposta. Non ci sono stati cambi.

19,19 – finisce il primo tempo. Partita senza acuti,  0-0 tra Sicula Leonzio e Catania.

43’ – la Leonzio chiude in attacco: punizione da una trentina di metri. Sul pallone Arcidiacono, ma nulla di fatto.

40’ – il primo tempo volge al termine.. Tra Sicula Leonzio e Catania è sempre 0-0. Corner per gli ospiti.

37’ – le imprecisioni di ambo le squadre potrebbero essere dovute anche alle scarse condizioni del campo del “Nobile”.

34’ – Curiale rimane a terra: il calciatore etneo viene colpito da un avversario a palla lontana, dopo che quest’ultimo è stato provocato. L’arbitro non prende nessun provvedimento disciplinare. Adesso l’ex Trapani, comunque, si rialza e il gioco prosegue. La gara è particolarmente accesa.

32’ – calcio d’angolo per i lentinesi: sulla punizione precedente, la palla arriva ad Aquilanti, che trova la deviazione necessaria per ottenere il corner con un tiro da fuori.

31’ – contropiede della Leonzio nell’azione seguente: Bogdan spende il fallo tattico per fermare l’avversario. Punizione sullo spicchio sinistro dell’area di rigore per la Leonzio.

30’ – azione Catania: bello il cross volante di Lodi dalla destra per Mazzarani, che colpisce di testa. Narciso esce sicuro.

29’ – pericolo per il Catania: buono l’inserimento di Squillace, la difesa etnea salva prodigiosamente e concede corner alla Leonzio.

23’ – partita senza particolari emozioni. C’è un duro fallo di Camilleri su Manneh a centrocampo: il calciatore della Leonzio viene ammonito, i rossazzurri volevano l’espulsione. Punizione per gli ospiti.

21’ – primo angolo della gara, sarà in favore del Catania.

17’ – scontro tra Biagianti e Bollino dopo un contrasto. L’arbitro fischia punizione: Bollino da terra dà un calcio a Biagianti e poi si scaglia contro Mazzarani, successivamente si accascia a terra accusando un colpo. Il direttore di gara ammonisce sia Bollino che Mazzarani.

15’ – palla ad Arcidiacono al limite dell’area: il bianconero stoppa e calcia al volo. Palla fuori.

14’ – L’estremo difensore della Leonzio Narciso esce su Mazzarani, evitando il peggio.

12’ – tanta confusione in campo. Le due squadre sbagliano parecchio. Non ci sono ancora state occasioni degne di nota.

8’ – bel dialogo tra Biagianti e Curiale sul versante destro: i calciatori rossazzurri scambiano ed entrano in area. Manneh, poi, spedisce fuori malamente, ma era già stato fischiato il fuorigioco.

5’ – il Catania è pressato e non riesce a trovare spazi.

3’ – i padroni di casa provano a sfondare con i lanci lunghi: buono il cross dalla sinistra, il portiere etneo Pisseri respinge con i pugni.

1’ – partiti! La Leonzio batte per prima e attaccherà da sinistra verso destro. Il Catania dalla parte opposta.

18,32 – termina, ovviamente, con uno scrosciante applauso per ricordare il calciatore 31enne.

18,30 – Sicula Leonzio e Catania giocano con le maglie tradizionali. Foto di rito e minuto di silenzio in memoria di Davide Astori, capitano della Fiorentina scomparso.

18,28 – le squadre entrano sul terreno di gioco.

18,23 – manca poco ormai al fischio d’inizio.

18,15 – l’ultimo confronto tra Cristiano Lucarelli e Aimo Diana come allenatori risale al 15 aprile 2017, quando erano i mister di Messina e Melfi. Al “San Filippo”, i lucani di Diana si imposero con il rocambolesco risultato di 3-4.

18,11 – intanto, una foto che ritrae i calciatori del Catania allenarsi prima dell’inizio dell’incontro.

Foto: Alessio Inguì

18,09 – in questa stagione, Catania e Sicula Leonzio si sono affrontate due volte, entrambe al “Massimino”: la prima, in Coppa Italia Serie C, quando i rossazzurri vinsero 3-2; il secondo confronto, in campionato, andò ai bianconeri con il risultato di 1-2.

18,06 – temperatura nella norma a Lentini. Lo stadio è già pieno.

Foto: Alessio Inguì

18,05 – i calciatori si riscaldano. Il settore ospiti è tutto esaurito: ampia anche la cornice di pubblico dell’”Angelino Nobile”, pronto a sostenere la Sicula Leonzio nella sua prima partita serale, grazie al nuovo impianto di illuminazione.

18,04 – queste, invece, le partite che si giocheranno tra meno di mezz’ora, oltre Leonzio-Catania: Siracusa-Casertana, Lecce-Matera e Bisceglie-Cosenza.

18,03 – nel frattempo, elenchiamo i risultati provenienti dagli altri campi: Juve Stabia-Akragas 7-0, Racing Fondi-Fidelis Andria 1-0, Reggina-Monopoli 1-2, Paganese-Rende 3-0, Catanzaro-Trapani 1-2.

18,01 – ecco le formazioni ufficiali dell’incontro:

SICULA LEONZIO (4-3-3): 1 Narciso; 18 Aquilanti, 13 Camilleri, 5 Gianola, 3 Squillace; 8 Esposito, 23 Davì, 27 D’Angelo; 10 Bollino, 28 Lescano, 7 Arcidiacono. All. Diana.

CATANIA (4-3-3): 12 Pisseri; 4 Aya, 16 Blondett, 26 Bogdan, 15 Marchese; 27 Biagianti, 10 Lodi, 32 Mazzarani; 9 Barisic, 11 Curiale, 19 Manneh. All. Lucarelli.

18,00 – si sono già affrontate due volte prima di questa partita, ma adesso i punti pesano di più. La vittoria è fondamentale, ogni gara ormai può risultare decisiva. Amiche e amici di Newsicilia.it, Gabriele Paratore vi dà il benvenuto all’appuntamento domenicale con la diretta testuale dei match del Catania, impegnato oggi in casa della Sicula Leonzio.