Innovazione e start up: ecco cos’è il Contamination Lab

Innovazione e start up: ecco cos’è il Contamination Lab

CATANIA – Finita l’università la maggior parte degli studenti si interroga sul proprio futuro, pensando a cosa fare e a come poter sfruttare i sacrifici compiuti. L’Università di Catania offre, a tal proposito, una grande opportunità dal nome Contamination Lab.

Questo è uno spazio fisico e virtuale dove studenti e docenti possono condividere idee e le loro competenze al fine di generare esperienze formative e creative. L’iniziativa mette insieme il talento degli studenti universitari, l’esperienza e la competenza di imprenditori e il sapere del mondo accademico, il tutto per dar vita ad un nuovo approccio didattico innovativo.

Gli obiettivi sono: la stimolazione dei processi che portano al problem solving, lo spirito d’innovazione, di intraprendenza e la capacità di saper lavorare in team. Queste sono competenze basilari per supportare le strategie di sviluppo del territorio.

Il Team ScArEnd al Contamination Lab

Il Team ScArEnd al Contamination Lab

Chiara Mirabella, studentessa che ha partecipato al Contamination Lab, ce ne parla così:Il contamination lab è stata un’esperienza formativa fondamentale, mi ha fatto conoscere il mondo dell’imprenditoria, dell’innovazione sociale, del lavoro di squadra. Le lezioni si sono basate sul farci avere una comprensione di ciò che significa imprenditoria, design, lavoro di squadra, che significa portare avanti un progetto,, valutare il ruolo di ogni persona all’interno del team. Ma soprattutto mi ha permesso di creare un bel legame con il mio attuale team. Della start up, il cui nome è “ScArtend”, non posso ancora dire molto, ma l’idea è nata dalla Summer School di Libera a cui molti di noi hanno partecipato. Si basa sul riuso creativo, su ciò che viene chiamato “upcycling”. Vorremmo creare una specie di filiera commerciale virtuale che risolva due questioni: lo spreco di rifiuti e lo stato di crisi che vive attualmente l’artigianato. A breve inizieremo un percorso per affinare il progetto e presentarlo ai vari incubatori di idee e al wcap”.

Commenti