Garofani bianchi e rosa, Nino Giuffrida addobba la “vara”: Catania è già in festa per Sant’Agata. LE FOTO

Garofani bianchi e rosa, Nino Giuffrida addobba la “vara”: Catania è già in festa per Sant’Agata. LE FOTO


Lo speciale Sant’Agata 2018 a 360 gradi è offerto da:

CATANIA – Anche il fercolo è pronto e addobbato per accogliere Sant’Agata che riabbraccia i fedeli. Sono circa 1.200/1.300, i garofani di colore rosa che abbelliranno la “vara” il 4 febbraio mentre per la giornata del 5, i garofani saranno bianchi.

Per chi non lo sapesse, in passato, il fercolo detto in catanese “vara” prima del 1379 era in legno dorato molto pregiato. Si tratta di un tempietto di argento che ricopre una struttura in legno riccamente lavorato che trasporta il busto reliquario della Santa patrona di Catania e lo Scrigno, sempre in argento, ove sono custodite tutte le reliquie di Sant’Agata.




Sul tetto vi sono dodici statue raffiguranti gli apostoli. Ha una forma rettangolare poggiata su sei colonne in stile corinzio. Il fercolo fu costruito dall’artista orafo Vincenzo Archifel operante a Catania dal 1486 al 1533. Non è un caso se in suo onore gli venne dedicata una via di Catania, nel quartiere di Barriera.

Il fercolo è d’argento massiccio e pesa circa 17 quintali netti ma, durante la processione, appesantito dalle reliquie e dai devoti, raggiunge il peso di 30 quintali.  Si muove su ruota in gomma piena e viene trainato dai cittadini devoti che indossano il tradizionale sacco tramite due cordoni lunghi più di 200 metri al cui capo sono collegate quattro maniglie.


Dall’addobbo floreale della vara si può riconoscere se si è alla processione di giorno 4 o di giorno 5 febbraio. Infatti, i fiori che addobbano il fercolo sono sempre garofani, soltanto che nella processione di giorno 4 sono di colore rosa per rappresentare il Martirio e la Passione. Il garofano di colore bianco di giorno 5 febbraio simboleggia, invece, il giorno del Martirio, la fede, il candore, la purezza del principio di rimanere, fino al supplizio, Vergine consacrata di Dio.

Ad addobbare il fercolo da 52 anni, esattamente dal 1966, è Nino Giuffrida, noto nell’hinterland catanese per il Centro Fiori di Nino e Salvo Giuffrida, sito in viale Vittorio Veneto, che rappresenta una splendida realtà nel commercio di fiori e piante a Catania. Veri autori nella lavorazione del fiore, Nino e Salvo Giuffrida portano la loro esperienza non solo durante le festività agatine, grazie all’esperienza di Nino, ma anche nel mondo del wedding o dei semplici eventi con passione e creatività.

Commenti