Timbra il cartellino e va a fare l’idraulico “in nero”, scatta la sospensione dal lavoro per 10 mesi

Timbra il cartellino e va a fare l’idraulico “in nero”, scatta la sospensione dal lavoro per 10 mesi

PIAZZA ARMERINA – A seguito di articolate indagini di polizia giudiziaria, coordinate dalla Procura della Repubblica di Enna, personale del Commissariato distaccato di Polizia di Stato di Piazza Armerina, ha dato esecuzione alla misura cautelare interdittiva della sospensione dall’esercizio di un pubblico ufficio o servizio per dieci mesi – giusta ordinanza emessa dal giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Enna a carico di un beneficiario del reddito minimo di inserimento di un Comune della provincia di Enna.

In particolare, l’attività di indagine portata avanti dalla Polizia di Stato del Commissariato di Piazza Armerina, ha accertato come il beneficiario del reddito minimo di inserimento in questione, attestava falsamente la propria presenza in servizio dopo aver timbrato il proprio badge, per poi allontanarsi ingiustificatamente e arbitrariamente, per buona parte dell’orario di servizio, al fine di attendere alle proprie personali occupazioni ovvero a svolgere l’attività di idraulicoin nero”.


L’attività investigativa approntata con numerosi servizi di appostamento, pedinamento e con l’ausilio di attrezzature tecniche ha evidenziato incontrovertibilmente l’abitualità dello svolgimento dell’attività lavorativaparallela” in nero di idraulico da parte dell’indagato, con conseguente danno erariale a carico dell’ente locale.

Il soggetto è stato quindi indagato in stato di libertà per truffa aggravata e a suo carico è stata disposta la misura cautelare interdittiva della sospensione dall’esercizio di un pubblico ufficio o servizio per mesi dieci.

Foto di repertorio