Sequestro di beni, patrimonio spropositato: “guadagnava” con lo spaccio di droga

Sequestro di beni, patrimonio spropositato: “guadagnava” con lo spaccio di droga

ENNA – Nella giornata di oggi, il personale della Polizia di Stato della Questura di Enna (Divisione Anticrimine, coadiuvato dalla Squadra Mobile e dal Commissariato distaccato di Pubblica Sicurezza di Leonforte) ha eseguito un decreto di sequestro di beni mobili, immobili e conti correnti, nei confronti di un uomo, residente in un comune della provincia ennese.

Il provvedimento di sequestro è stato emesso dal Tribunale di Caltanissetta – sezione Misure di Prevenzione, su richiesta congiunta del Procuratore della Repubblica al Tribunale di Caltanissetta e dal Questore di Enna, a seguito di indagini di natura patrimoniale condotte nei confronti del predetto soggetto, sottoposto nel 2021 a custodia cautelare in carcere per associazione a delinquere finalizzata allo spaccio di sostanze stupefacenti, nell’ambito delle operazioni di polizia denominate “Caput Silente” ed “ Icaro”.


La persona destinataria dell’odierna misura di prevenzione patrimoniale è stata condannata in primo grado alla pena di dieci anni di reclusione.

A testimonianza della sua pericolosità sociale, peraltro, nel corso delle indagini sono emersi concreti elementi in ordine alla programmazione da parte dello stesso, unitamente ad altro soggetto, di un’azione punitiva con armi nei confronti di un presunto sodale per contrasti intervenuti nell’ambito della gestione del traffico e spaccio di stupefacenti sul territorio.

Le suddette indagini patrimoniali hanno accertato che il prevenuto avesse nella sua disponibilità un patrimonio sproporzionato rispetto alla sua capacità economica lecita e a quella del suo nucleo familiare, verosimilmente di provenienza illecita in quanto derivante dalla suddetta attività di traffico di sostanze stupefacenti.

Il sequestro, finalizzato alla confisca dei beni, ha riguardato nel dettaglio due terreni, due autovetture, un conto corrente e un conto deposito.

La sottrazione di tali beni risulta di fondamentale importanza nella lotta alla mafia e la proposta di sequestro congiunta a firma Procuratore della Repubblica al Tribunale di Caltanissetta – Questore di Enna è la dimostrazione di come anche l’azione repressiva in materia patrimoniale costituisca una delle priorità dell’azione di contrasto alla criminalità organizzata.

Foto di repertorio