Dipendente del centro di raccolta rifiuti picchiato a sangue da tre persone

Dipendente del centro di raccolta rifiuti picchiato a sangue da tre persone

PALERMO – È stato picchiato a sangue da tre soggetti perché dovevano scaricare i rifiuti al centro di raccolta: vittima un dipendente della Rap di Palermo.

La vicenda ha avuto luogo ieri pomeriggio in via Rosario Nicoletti. Il responsabile del centro aveva comunicato ai tre aggressori che non era più possibile scaricare rifiuti, così è stato preso di mira e picchiato violentemente.

Calci e pugni, tanto da finire in codice rosso al Pronto Soccorso.

Due dei tre aggressori, padre e figlio, sarebbero già stati identificati dagli agenti di polizia intervenuti. Una terza persona sarebbe invece riuscita a fuggire.

Le parole dell’amministratore unico della Rap, Girolamo Caruso

Non si capisce quale possa essere stato il motivo di una aggressione cosi sproporzionata e violenta. Peraltro parliamo di 3 malavitosi che hanno circondato il dipendente Rap aggredendolo a calci e pugni. Dipendente al momento in codice rosso e privo di conoscenza.

Siffatti comportamenti sono inaccettabili in una città che si dichiara (ed è, in massima parte) civile. Ci auguriamo che i testimoni dell’aggressione si facciano avanti e che il nostro dipendente possa riprendersi quanto prima.

Questo purtroppo è il risultato di campagne sistematicamente e ingiustificatamente denigratorie verso i nostri dipendenti e l’azienda. Già domani avvieremo l’installazione di telecamere in ogni singolo Ccr in collegamento con la polizia“.

Condivisioni