Tra lusso e intrighi di corte all’asta i gioielli della Regina Maria Antonietta

Tra lusso e intrighi di corte all’asta i gioielli della Regina Maria Antonietta

Al Mandarin Oriental di Ginevra il 14 novembre andrà all’asta una delle più importanti collezioni di preziosi al mondo, intitolata Royal Jewels from the Bourbon-Parma Family.

Tra le 100 meraviglie messe all’asta da Sotheby’s ci saranno anche i preziosi della regina Maria Antonietta di Francia, la sovrana più chiacchierata, odiata, imitata ed invidiata della storia. Dieci straordinari monili in diamanti, perle e pietre preziose che raccontano la vita della sua proprietaria uccisa lo scorso 16 ottobre di 225 anni fa dal suo popolo che, ridotto alla fame dalla giovane austriaca, insorse contro quella donna capricciosa e infantile che indifferente continuava ad acquistare e commissionare oggetti di rara bellezza e dal valore inestimabile.




Un tesoro che come stima complessiva varrebbe oltre 5 milioni di dollari capace di raccontare duecento anni di storia d’Europa, intrighi della corte di Francia e solitudine umana colmata da grandi sfarzi. Nella collezione domina un pendente di diamanti con una perla naturale di dimensioni eccezionali (26 x 18 mm) dal valore stimato compreso tra 875mila e un milione e 742mila euro. Ad un prezzo più esiguo  l’anello con monogramma di diamanti stimato «solo» tra i 7mila e gli 8.700 euro, con tanto di ciocca di capelli della regina impigliata tra una pietra e l’altra. 

A duecentosessantatré anni dal quel 2 novembre 1755, il giorno del suo compleanno,  la regina Maria Antonietta ritorna nuovamente protagonista. Una particolare festa di compleanno, che continua a far parlare della donna che sposò Luigi XVI per motivi politici e si ritrovò regina di una grande nazione come la Francia a soli 18 anni amando fino all’ultimo dei suoi giorni il conte svedese Hans Axel de Fersen, come dimostrano gli ultimi studi sulla corrispondenza dei due giovani amanti, anche durante gli anni della prigionia prima di essere ghigliottinata.