Ragusa, integrazione e volontariato: presentato il “City act”

Ragusa, integrazione e volontariato: presentato il “City act”

RAGUSA – Si è concluso oggi nell’aula consiliare del Comune di Ragusa il progetto didattico di studio della lingua italiana rivolto agli studenti stranieri, con la lettura dei 30 articoli della Dichiarazione Universale dei Diritti Dell’Uomo.

La dirigente della Scuola Cpia di Ragusa, Anna Caratozzolo e i docenti Ricca, Mattisi, Campagnalo hanno scelto volutamente Palazzo di città, “casa di tutti i cittadini”, come sede simbolica della giornata conclusiva del corso. Ad accogliere gli studenti stranieri ed i docenti è stato l’assessore all’inclusione e coesione sociale Gianluca Leggio che si è soffermato sull’importanza delle varie attività di integrazione sociale rivolte ai cittadini stranieri ed in particolare quella dello studio della lingua italiana che favorisce l’attività relazionale con la comunità locale.

In tal senso il Comune di Ragusa, insieme alla Fondazione San Giovanni Battista, promuove il progetto “City Act” che si propone di favorire la diffusione del volontariato e l’integrazione dei migranti. Grazie a questa iniziativa infatti ventotto richiedenti e titolari di Protezione internazionale o umanitaria, nel periodo compreso tra il mese di giugno e dicembre 2017, svolgeranno attività che riguarderanno la salvaguardia e manutenzione del verde pubblico e delle altre aree urbane.

“L’interesse per la cura e la manutenzione di aree e spazi pubblici ad uso comune da parte di 28 volontari – dichiara l’assessore ai servizi sociali Gianluca Leggiocostituisce uno strumento di cittadinanza attiva e consapevole per i migranti nonché fonte di sensibilizzazione per la collettività ragusana”.

Il voto riguardante le attività da svolgere per questa iniziativa è avvenuto per via telematica attraverso l’uso della piattaforma “Votofacile”. I cittadini hanno così potuto scegliere a quale area dedicare i maggiori sforzi tra: “spazi ludico-ricreativi” “spazi espositivi culturali”, “locali commerciali” e “spazi di promozione per l’inclusione sociale”. Un successo per l’assessore Gianluca Leggio che inoltre invita i cittadini a partecipare in numero sempre maggiore alle future decisioni: “Invitiamo i cittadini a partecipare alle altre consultazioni che consentono la partecipazione democratica della comunità amministrata alle scelte dell’Amministrazione comunale […]”. 

Commenti