Notre-Dame, un capolavoro artistico e un grande simbolo storico: tutto potrebbe andare perduto - Newsicilia

Notre-Dame, un capolavoro artistico e un grande simbolo storico: tutto potrebbe andare perduto

Notre-Dame, un capolavoro artistico e un grande simbolo storico: tutto potrebbe andare perduto

Costruita nel 1163 tramite finanziamento della Chiesa francese e della Corona, Notre-Dame è uno dei simboli più importanti della capitale francese.

La cattedrale è situata su un luogo in cui, precedentemente, sorgeva un tempio sacro dedicato a Santo Stefano ed è una delle più antiche a livello europeo.



Inoltre, essa rappresenta un’eccezione nella storia del gotico in quanto è l’unica a presentare degli archi rampanti, tra l’altro non previsti nel progetto iniziale.

Il monumento parigino è stato oggetto di alcuni restauri, motivo per cui risente di diversi stili.


Nel 1756, per esempio, sono state ritoccate le vetrate e le pareti.

Il tutto è stato vanificato nel periodo della Rivoluzione francese (1789-1799) in cui non è rimasto più nulla della cattedrale.

Quest’ultima è tornata a risplendere soltanto nel 1801 diventando nuovamente proprietà della Chiesa, grazie al Concordato stipulato tra Pio VII e Napoleone Bonaparte.

Il 31 maggio 1864 Notre Dame è stata consacrata ufficialmente.

Gli interventi strutturali, sia interni che esterni, non sono mai stati ultimati. Tuttora il Duomo è in fase di restauro.

Peraltro, il fascino della maestosa cattedrale risiede nella sua importanza storica, in quanto è la rappresentante del Cattolicesimo francese.

Non solo, è stata anche teatro di spiacevoli avvenimenti, come il suicidio dello scrittore Dominique Venner nel 2013 e quello di un giovane intellettuale nel 1931.

Tuttavia, si sono verificati anche eventi interessanti.

Ricordiamo nel 1302 la prima Convocazione degli Stati Generali, un grande evento politico. Oppure ancora: ricorrenze religiose, riti civili, commemorazioni di personaggi illustri e funerali di Stato.

Inoltre, impossibile dimenticare il romanzo, dedicato all’edificio, del poeta francese Victor Hugo, intitolato Notre-Dame de Paris.

Dunque, la cattedrale di per sé ha un grande valore, il tutto alimentato dal retroscena storico e artistico.

L’importanza è tale da essere stata dichiarata Patrimonio dell’Umanità dell’UNESCO.

Essa è in grado di attirare annualmente l’attenzione di milioni di turisti e pellegrini che vanno a visitare il monumento e a pregare rimanendone affascinati.

Dopo l’incendio di ieri, non si sa quel che rimarrà e cosa sarà recuperabile. Secondo le autorità, purtroppo, sembra che questo patrimonio artistico andrà del tutto perduto.

Immagine di repertorio

Per rimanere sempre aggiornato scarica la nostra app.