L’inedito “Ritratto dell’Etna” di Murcof e Manu Ros

L’inedito “Ritratto dell’Etna” di Murcof e Manu Ros

CATANIA – Il battito del cuore del pianeta, il respiro del vulcano, il buio abissale delle sue caverne, le distese lunari di sabbia ai crateri sommitali, l’orizzonte circolare sul mare che abbraccia l’isola più grande del Mediterraneo. S’intitola “Etna: A Portrait” ed è un “ritratto audiovisivo” del vulcano appositamente commissionata dall’associazione culturale ZO, nell’ambito del Festival I ART, a un grande compositore di musica elettronica, il messicano Murcof, accompagnato in questo progetto dal video artista spagnolo Manu Ros. L’appuntamento è per mercoledì 15 luglio a Catania (Castello Ursino), ore 21. Ingresso gratuito con ticket al botteghino a partire dalle 20.15, fino a esaurimento dei 150 posti a sedere.

Murcof 2

Dopo un periodo di residenza, in collaborazione con il Parco dell’Etna, trascorsa a “campionare” suoni e immagini del vulcano e dopo la successiva fase di elaborazione compositiva e montaggio realizzata a Barcellona, i due artisti presenteranno, in anteprima assoluta, l’opera originale con un concerto ed una videoproiezione al Castello Ursino di Catania. Spiega Murcof: “Per questo progetto abbiamo raccolto una grande varietà di suoni del Vulcano e del suo paesaggio in modo da avere un quadro sonoro il più completo possibile. Dopo il periodo di residenza e di lavoro sul campo, abbiamo lavorato in studio per creare una composizione interamente basata sui suoni catturati. Per questo ‘Ritratto dell’Etna’ abbiamo utilizzato strumenti sia analogici che digitali per esplorarne le qualità acustiche ed estrarne i contenuti melodici e armonici”.

Manu Ros 2

 

Il ritratto di Murcof e Manu Ros dedicato all’Etna – il vulcano attivo più grande d’Europa e Patrimonio Unesco dell’umanità – nasce appositamente per I ART, il progetto comunitario che punta a rigenerare le culture e le identità della Sicilia attraverso i linguaggi multidisciplinari dell’arte contemporanea. Murcof e Manu Ros condividono da anni il percorso artistico “Life Observing Life”, dedicato all’esplorazione audiovisiva del rapporto tra Uomo e Natura

Commenti