Alla scoperta di una “misteriosa” Selinunte: arriva una nuova campagna di scavi

Alla scoperta di una “misteriosa” Selinunte: arriva una nuova campagna di scavi

TRAPANI – Buone notizie dal mondo dell’archeologia dato che una nuova campagna di scavi verrà effettuata a Selinunte, nel parco archeologico più grande d’Europa, e verrà presentata domani.

Proprio Selinunte diede l’opportunità al popolo greco di vivere un grande periodo di splendore arrivando fino a 100mila abitanti.



Nello specifico, lo scopo della campagna è quello di riscoprire ciò che è rimasto dell’antico porto orientale della città, una volta appartenente ai Greci, approfondendo la zona della valle del Gorgo Cotone, tra la collina di Manuzza e la collina orientale.

Tra gli obiettivi prefissati, quello di stabilire i limiti perimetrali del porto, assegnare una data di costruzione alle strutture e definire la relazione tra lo scalo e l’impianto urbanistico.


Per quanto concerne il progetto, esso è condotto dal professore Jon Albers in collaborazione con l’Istituto Archeologico Germanico di Roma, l’Università di Bonn e quella di Bochum.

Non solo, la città greca è stata realizzata in mezzo a due fiumi, infatti, delle indagini geofisiche hanno fatto discutere su una “misteriosa” strada, già in parte scoperta dall’archeologo Dieter Mertens.

Le indagini, inoltre, hanno consentito la scoperta di materiale marittimo situato a 4 metri circa di profondità.

Immagine di repertorio