Violente rapine e numerosi furti in negozi e appartamenti: arrestati due “instancabili” ladri

Violente rapine e numerosi furti in negozi e appartamenti: arrestati due “instancabili” ladri

MESSINA – Ieri in esecuzione di ordinanza di applicazione di misura cautelare emessa dal giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Messina, su conforme richiesta della locale Procura della Repubblica che ha coordinato le indagini, i carabinieri della compagnia di Messina Sud e i poliziotti della Questura di Messina hanno arrestato Davide Barbuscia, ventottenne, e Santo Foti, cinquantenne, entrambi messinesi, gravemente indiziati, a vario titolo, dei reati di rapina in concorso, porto abusivo di armi, furto aggravato e lesioni personali.


Il provvedimento trae origine da due distinte attività svolte dai militari dell’Arma e da personale della Questura di Messina che hanno permesso di far luce su una lunga serie di episodi delittuosi commessi in città tra la fine del 2018 e gli inizi del 2019, quando la zona Sud è stata teatro di rapine ai danni di esercizi commerciali e privati cittadini nonché di furti in abitazione consumati e tentati. L’esito delle articolate indagini, coordinate dalla Procura peloritana, hanno permesso di raccogliere inequivocabili indizi di colpevolezza nei confronti degli arrestati.


In particolare, i carabinieri, attraverso comparazioni fotografiche, acquisizione di numerosi sistemi di videosorveglianza e accertamenti tecnici condotti dal Reparto Carabinieri Investigazioni Scientifiche hanno ricondotto a Barbuscia la responsabilità di alcuni reati. In particolare  il 6 dicembre 2018 insieme a un complice rimasto ignoto è stato autore di una rapina ai danni del pub “The Lion”, nel villaggio Tremestieri, nel corso della quale erano stati portati via l’incasso e un registratore di cassa rinvenuto poche ore dopo. Gli accertamenti tecnici dei carabinieri del RIS hanno consentito di esaltare sulla cassa le impronte digitali di un rapinatore che sono state comparate con quelle presenti nella Banca Dati delle persone già arrestate. Al termine delle indagini scientifiche i frammenti papillari trovati sulla refurtiva sono stati attribuiti a Barbuscia. Lo stesso pub è stato bersaglio di un tentativo di rapina anche il 22 febbraio 2019 e in tale circostanza sono state le riprese del sistema di videosorveglianza interno e le dichiarazioni testimoniali a incastrare l’uomo, il quale è stato individuato come l’autore del reato.


Inoltre le indagini dei carabinieri, svolte attraverso l’analisi delle dichiarazioni testimoniali, la ricostruzione degli spostamenti dell’interessato e la comparazione della sua figura con le immagini riprese da sistemi di videosorveglianza presenti nelle adiacenze delle scene dei crimini hanno permesso di risalire alla responsabilità di Barbuscia anche in altri reati commessi nella zona sud del capoluogo. In particolare la sera del 27 dicembre 2018, nel villaggio Tremestieri è ritenuto responsabile di un tentato furto in un’abitazione e della rapina in danno della rosticceria “La Nuova Brace” mentre il 2 gennaio e il 5 marzo del 2019 si è reso responsabile di un tentato furto e un furto commessi in due appartamenti del villaggio Santa Lucia Sopra Contesse.



Articolate indagini sono state effettuate invece dai nuclei investigativi di Squadra Mobile e Volanti, in seno alla Questura di Messina, in merito a una serie di reati di peculiare gravità commessi dagli arrestati in un arco temporale assai ristretto e con cadenza a volte quasi giornaliera.

Risale al marzo dello scorso anno l’episodio più efferato quando i malviventi si sono resi autori di una violenta rapina ai danni di un anziano. L’ottuagenario è stato aggredito nell’androne del condominio dove risiede, spintonato e gettato a terra. Dopo una breve colluttazione, gli è stato strappato con violenza l’orologio d’oro che indossava causandogli ferite alle mani. Altre rapine sono state messe a segno negli esercizi commerciali e più precisamente presso due panifici e una cartoleria. Stesso canovaccio per ciascun episodio: capo travisato, la presenza di un’arma, una pistola nei panifici, un coltello in cartoleria.

Ricostruiti dai poliziotti anche due episodi di furto in appartamento: il primo fallito e il secondo messo a segno nella stessa nottata, in presenza dei proprietari dell’immobili che al risveglio hanno notato la porta finestra forzata e il furto di due borselli contenenti carte di credito, documenti e la somma di 5mila euro in contanti. Rilevante, ai fini della ricostruzione dei fatti, l’estrapolazione delle immagini degli videosorveglianza presenti negli esercizi commerciali e nelle aree dove sono stati consumati i delitti, dalla cui visione sono emersi dettagli e tratti somatici fondamentali per il riconoscimento dei rei. Le testimonianze raccolte e i riscontri tra i diversi episodi hanno permesso di delineare il modus agendi dei criminali e di attribuire le responsabilità in ciascun scenario.

Dopo le formalità di rito Barbuscia è stato portato nel carcere di Messina Gazzi, mentre Foti è stato sottoposto agli arresti domiciliari presso la propria abitazione.

Fonte immagine: alamy.it