Violenta lite in casa, graffi sul collo alla ex e ripetute aggressioni: arrestato 19enne

Violenta lite in casa, graffi sul collo alla ex e ripetute aggressioni: arrestato 19enne

PARTINICO – La Polizia di Stato ha arrestato un giovane partinicense di 19 anni, responsabile di condotte vessatorie, maltrattamenti, minacce e lesioni ai danni della ex convivente, nonché del furto di oggetti ed effetti personali dal suo appartamento.

A delineare il quadro delle responsabilità del giovane gli agenti del commissariato di Partinico, intervenuti nei giorni scorsi nell’abitazione della vittima per una violenta lite. Sul luogo dell’intervento, gli agenti sono stati avvicinati dalla giovane la quale, in evidente stato di agitazione, singhiozzando e piangendo, ha mostrato loro alcuni segni di violenza sul proprio corpo (graffi al collo in particolare) procuratile dall’ex compagno, che si era presentato come altre volte nella sua abitazione nonostante la loro relazione sentimentale si fosse interrotta già da tempo.



Dal racconto della ragazza è emerso uno spaccato di soprusi, violenze e aggressioni ai suoi danni da parte dell’ex convivente; violenze che hanno avevano avuto inizio da alcune settimane, quando la loro relazione – già di per sé tempestosa – era terminata per volere della giovane; il compagno, non volendosi rassegnare alla fine della storia, aveva iniziato a vessarla, percuotendola spesso, e a compiere altre tipologie di violenze psicologiche ai suoi danni, spesso anche innanzi a terzi; circostanze queste che avevano reso la situazione non più tollerabile da parte della giovane vittima la quale, esasperato, all’ennesimo episodio si è rivolta alla polizia.

Sul luogo dell’interevento, gli agenti hanno scorto, in mezzo a un capannello di persone, anche l’ex convivente della donna; questi aveva ancora addosso numerosi oggetti ed effetti personali dell’ex convivente che aveva appena sottratto all’interno della sua abitazione, durante il precedente litigio tra di loro.


Sul posto sono giunti anche sanitari del 118 per prestare le prime cure alla giovane e accompagnarla al pronto soccorso.

Ristabilita la calma, gli agenti hanno proceduto a una scrupolosa e minuziosa attività di riscontro delle informazioni captate nelle immediatezze, ascoltando tutti i testimoni dell’episodio odierno e ricostruendo, soprattutto, i precedenti atti di violenza subiti dalla donna da parte del suo ex convivente. In ragione del gravissimo quadro indiziario raccolto a suo carico, hanno quindi proceduto all’arresto del giovane per i reati di maltrattamenti in famiglia, lesioni personali, minaccia e furto in abitazione.

L’arresto è stato convalidato dall’autorità giudiziaria che ha disposto nei confronti del giovane la misura cautelare del divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalla vittima, il divieto di qualsiasi forma di comunicazione con la stessa, nonché l’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria.

Immagine di repertorio