Tensione al largo di Palermo, migranti Open Arms si gettano in mare: gesto disperato anche a costo della vita

Tensione al largo di Palermo, migranti Open Arms si gettano in mare: gesto disperato anche a costo della vita

PALERMO – La situazione migranti in Sicilia continua ad essere grave e la soluzione non pare essere vicina.


Da ieri la nave della ong spagnola Open Arms si trova al largo delle acque palermitane con a bordo 278 persone salvate durante gli scorsi giorni e, senza avvicinarsi al porto, rimane in attesa di direttive governative.


Dopo il diniego da parte dello stato di Malta, le condizioni a bordo del natante si sarebbero aggravate ulteriormente e, stando a quanto riportato da un tweet del fondatore della ong, Oscar Camps, circa 70 persone si sarebbero gettate in acqua.



La speranza di coloro che hanno compiuto tale gesto, sicuramente pericoloso, è quella di raggiungere la riva a nuoto mettendo in repentaglio la propria stessa vita.

Il disperato tentativo ha attivato la macchina dei soccorsi che attraverso l’impiego di un elicottero della Guardia di Finanza e gli uomini della Capitaneria di Porto starebbero tentando di mettere in salvo gli uomini in mare.


 

 

Immagine di repertorio