Teatro Bellini e la crisi senza fine, domani flash mob in piazza Stesicoro. Cisl: “Serve unità d’intenti anche in politica”

Teatro Bellini e la crisi senza fine, domani flash mob in piazza Stesicoro. Cisl: “Serve unità d’intenti anche in politica”

CATANIA – Il Teatro Bellini di Catania, grande patrimonio artistico-culturale della città etnea (e di tutta la Sicilia), sta attraversando una delle fasi più buie della sua storia. Aspetti negativi che, inevitabilmente, coinvolgono i lavoratori, i sindacati, le istituzioni e, in linea generale, tutti i cittadini catanesi.

Ed è per questo motivo, che per domani sarebbe stato organizzato un flash mob in piazza Stesicoro, proprio sotto la statua del compositore catanese Vincenzo Bellini. La manifestazione di protesta, in particolare, dovrebbe svolgersi dalle 9 alle 13.



Sulla questione del “Bellini”, attraverso una nota, si è espresso anche la Cisl di Catania, che lancia un appello alle istituzioni: “La politica faccia quadrato e trovi soluzioni per salvare il Teatro Vincenzo Bellini. Si abbandonino le beghe e la ricerca di responsabilità dello stato attuale in cui versa il Massimo, in questo particolare e storico momento non servono”.

Queste le parole di segretari Maurizio Attanasio, segretario generale della Cisl di Catania, e Antonio D’Amico, segretario regionale Fistel Cisl. “In un momento dove l’unità d’intenti, anche se portata avanti da schieramenti politici completamente opposti, potrebbe risolvere i gravi problemi che oggi sembrano insormontabili, le Organizzazioni Sindacati per prime stanno dando esempio di unità e collaborazione su una vertenza così complicata e chiediamo di conseguenza che anche la politica trovi sinergie affinché non sia troppo tardi per il nostro amato Teatro”.