Succede a Catania e provincia: 22 febbraio MATTINA

Succede a Catania e provincia: 22 febbraio MATTINA

CATANIA – Carabinieri. Questi i fatti di cronaca più importanti di Catania e provincia: 

  • I carabinieri del Nucleo Radiomobile del comando provinciale di Catania hanno arrestato il 49enne catanese Tommaso Tiralongo, ritenuto responsabile di detenzione finalizzata allo spaccio di sostanze stupefacenti. Ieri sera, l’equipaggio di una “gazzella”, nel pattugliare la zona alle spalle del Corso Indipendenza, ha notato un individuo fermo in via Toscana che alla vista dei militari ha tentato di fuggire a piedi. Inseguito e bloccato è stato trovato in possesso di alcune dosi di cocaina e marijuana, e di 140 euro in banconote di piccolo taglio. La droga e il denaro sono stati sequestrati mentre l’arrestato, in attesa della direttissima, è stato posto agli arresti domiciliari.
Tommaso Tiralongo, 49 anni

Tommaso Tiralongo, 49 anni

  • I carabinieri della stazione di Fiumefreddo di Sicilia, coadiuvati dai colleghi del Nucleo Cinofili di Nicolosi, hanno arrestato Francesco Liotta poiché ritenuto responsabile di detenzione finalizzata allo spaccio di sostanze stupefacenti. Stamattina, una spedita attività info-investigativa ha spinto i militari a fare irruzione nell’abitazione dell’uomo dove, grazie al prezioso fiuto del pastore tedesco “INDIC”, sono stati rinvenuti e sequestrati 150 grammi di marijuana, 5 grammi di cocaina, 1 bilancino di precisione nonché 250 euro in contanti, ritenuti l’illecito guadagno dell’attività di spaccio. L’arrestato, in attesa della direttissima, si trova in camera di sicurezza. 

Droga arresto CC Fiumefreddo

  • I carabinieri della stazione di Santa Venerina, coadiuvati dai colleghi del nucleo cinofili di Nicolosi, hanno arrestato un pregiudicato di 58 anni, del luogo, poiché ritenuto responsabile di furto aggravato. Ieri sera, i militari, con l’ausilio di personale tecnico dell’Enel, hanno accertato che l’uomo aveva allacciato il contatore della propria abitazione alla rete elettrica pubblica. Durante la perquisizione dell’immobile, il pastore tedesco “AURO” ha segnalato la presenza di droga, una dose di marijuana, trovata indosso al figlio del proprietario di casa , un pregiudicato di 30 anni, che è stato segnalato alla Prefettura di Catania per uso personale di sostanze stupefacenti. 
  • I carabinieri della stazione di Riposto, coadiuvati da personale della guardia di finanza, della guardia costiera, della polizia municipale e dell’azienda sanitaria provinciale, hanno effettuato nel territorio di competenza un’attività ispettiva in materia di lavoro e commercio su suolo pubblico, conseguendo i seguenti risultati:

– denunciato un commerciante tunisino di 62 anni, per la violazione delle disposizioni in materia di salute e sicurezza sul lavoro. I militari hanno accertato che l’uomo, titolare di un Bar  in via Del Commercio, impiegava nell’esercizio pubblico un lavoratore in nero;

sanzioni per più di 7.000 euro sono state elevate a diversi venditori ambulanti sorpresi a commerciare prodotti alimentari sul suolo pubblico senza alcuna autorizzazione. In totale sono stati sequestrati 800 kg di prodotti ortofrutticoli e 40 kg di prodotti ittici, posti in vendita in violazione delle basilare norme igienico-sanitarie. 

  • I carabinieri della stazione di Santa Maria di Licodia hanno denunciato un 38enne poiché ritenuto responsabile di detenzione illegale di materiale archeologico nonché detenzione illegale di arma comune da sparo. I militari, ieri sera, concludendo una breve ma proficua attività info-investigativa, hanno fatto irruzione nella proprietà del bracciante agricolo in Contrada Canneto dove sono stati rinvenuti e sequestrati: una carabina ad aria compressa, sprovvista di marca e matricola, verosimilmente potenziata oltre i 7,5 joule; 21 pesi in pietra di interesse archeologico risalente all’epoca precristiana.

Paternò

  • I carabinieri della compagnia di Palagonia hanno arrestato il 36enne Giuseppe Biancoviso, di Militello Val di Catania, poiché ritenuto responsabile della violazione delle prescrizioni imposte dalla sorveglianza speciale di pubblica sicurezza con obbligo di soggiorno. Stamattina, l’equipaggio di una “gazzella” del Nucleo Radiomobile, durante il controllo del territorio, ha sorpreso l‘uomo mentre percorreva a piedi la Contrada Cucinella, in evidente inadempienza dei vincoli impostigli dalla misura preventiva cui era sottoposto. L’arrestato, in attesa di giudizio, è stato relegato agli arresti domiciliari
Giuseppe Biancoviso, anni

Giuseppe Biancoviso, 36 anni

 

Commenti