Succede a Siracusa e provincia: 6 agosto MATTINA

Succede a Siracusa e provincia: 6 agosto MATTINA

SIRACUSA – Ecco le operazioni eseguite da polizia e carabinieri a Siracusa e provincia:

  • Gli agenti della Squadra Mobile hanno eseguito un’ordinanza di sottoposizione agli arresti domiciliari, emessa dal Tribunale di Siracusa, nei confronti di un siracusano di 31 anni. L’uomo, responsabile del reato di atti persecutori nei confronti dell’ex compagna, ha violato le prescrizioni che gli furono imposte con la precedente misura cautelare del divieto di avvicinamento alla persona offesa, manifestando un’ostinata noncuranza e incapacità di controllo dei propri impulsi aggressivi e rendendo così indispensabile la sostituzione in peius del provvedimento cautelare;

 



  • Gli agenti del commissariato di Pubblica Sicurezza di Lentini, insieme con il personale del Reparto Prevenzione Crimine di Catania, nell’ambito dell’operazione di polizia denominata “Trinacria”, hanno effettuato un servizio di controllo del territorio, identificando 57 persone, controllando 31 veicoli e sanzionando amministrativamente un minore per uso personale di sostanze stupefacenti;

 

  • Gli agenti del commissariato di Pubblica Sicurezza di Noto hanno effettuato l’ormai noto servizio di controllo del territorio, denominato “Progetto Fiducia”. Nell’ambito dei controlli, i poliziotti hanno denunciato un giovane di 16 anni per il reato di porto di oggetti atti a offendere. Il minore è stato trovato, sul piazzale antistante la Basilica del San Salvatore, con un coltello della lunghezza complessiva di 15 centimetri e con il manico in legno. Nel proseguo del servizio sono state identificate 64 persone, controllati 43 veicoli, elevate 15 sanzioni amministrative per violazioni al Codice della Strada, effettuati 4 sequestri, ritirato un documento, perquisite due persone e controllati 20 soggetti sottoposti a obblighi;

 


  • I carabinieri della compagnia di Siracusa, nell’ambito di un servizio di controllo del territorio volto al contrasto dello spaccio di sostanze stupefacenti, hanno arrestato Giuseppe Capodieci, 49 anni, disoccupato siracusano, pregiudicato per reati in materia di droga e già sottoposto a detenzione domiciliare. Nello specifico, i militari dell’Arma, notando un sospetto via vai di giovani nei pressi dell’abitazione di Capodieci, dove lo stesso stava già scontando una pena in regime di detenzione domiciliare, hanno deciso di effettuare un controllo più approfondito e, a seguito di una specifica attività di osservazione a distanza, hanno notato il 49enne cedere una dose di cocaina a un assuntore locale, immediatamente bloccato dai militari dell’Arma. Pertanto, i Carabinieri anno proceduto a una perquisizione domiciliare nei confronti del 49enne, nel corso della quale sono stati trovati 3 grammi circa di cocaina, un bilancino di precisione, materiale atto al confezionamento di dosi e somme di denaro pari a 200 euro e 30 dollari americani, probabile provento dello spaccio. Il 49enne, accompagnato nei locali della compagnia carabinieri di Siracusa per le formalità di rito, è stato infine dichiarato in arresto e condotto al carcere Cavadonna, così come disposto dall’autorità giudiziaria;
  • I carabinieri del Nucleo Radiomobile di Augusta, nell’ambito di un predisposto servizio, comandato e coordinato dalla locale compagnia, finalizzato a contrastare lo spaccio di sostanze stupefacenti soprattutto in prossimità delle case popolari, hanno arrestato per possesso di droga ai fini di spaccio S.D., augustano 39enne.
    All’uomo, a seguito di un’accurata perquisizione domiciliare, sono stati sequestrati circa 100 grammi di marijuana, abilmente nascosti in una scarpiera posta sul balcone della propria abitazione, mentre all’interno dell’appartamento sono stati trovati e sequestrati un bilancino di precisione e vario materiale idoneo al confezionamento dello stupefacente.
    L’augustano, al termine delle operazioni di rito, è stato dichiarato in stato di arresto e, su disposizione del pubblico ministero di turno alla Procura di Siracusa, accompagnato alla propria abitazione per restarvi in regime di arresti domiciliari.

 

  • Non si ferma l’attività di contrasto all’uso e allo spaccio di stupefacenti dei carabinieri della compagnia di Noto. A seguito di una mirata attività info-investigativa dei militari della stazione di Rosolini, è stato arrestato il 39enne Diego Fortezza. L’uomo, nonostante si trovasse già agli arresti domiciliari per altra causa, a seguito di perquisizione domiciliare, è stato trovato in possesso di 5 grammi di eroina, oltre al materiale necessario per il confezionamento delle dosi da spacciare. Su disposizione della Procura della Repubblica di Siracusa, Fortezza è stato condotto al carcere Cavadonna, dove resterà a disposizione dell’autorità giudiziaria;

 

  • I militari del Nucleo Radiomobile della compagnia di Noto e della stazione carabinieri di Avola hanno incrementato sensibilmente il numero delle pattuglie su strada e controllato decine di autovetture e i relativi occupanti. A Noto e Avola sono stati segnalati alla Prefettura due minori che, a bordo dei rispettivi scooter, alla vista del posto di controllo dei carabinieri si sono dati alla fuga. Raggiunti e fermati dai militari, entrambi sono risultati privi di patente di guida – perché mai conseguita – e della copertura assicurativa;
  • Nell’ambito del contrasto al fenomeno della guida in stato di ebbrezza alcolica, i carabinieri del Nucleo Radiomobile di Noto hanno ritirato la patente di guida e denunciato alla Procura di Siracusa il 50enne D.G.A., che a Noto, alla guida della sua Ford Ka, si è rifiutato di sottoporsi all’accertamento della guida in stato di ebbrezza con etilometro.