Succede a Ragusa e provincia: 18 settembre MATTINA

Succede a Ragusa e provincia: 18 settembre MATTINA

RAGUSA – Le operazioni condotte dai carabinieri a Ragusa e provincia:

  • nel corso della settimana, nel comune di Vittoria, i carabinieri hanno svolto servizi di contrasto e di prevenzione alla criminalità predisponendo mirate attività finalizzate alla prevenzione e repressione dei reati contro il patrimonio e quelli inerenti allo spaccio di sostanze stupefacenti. Sono state numerose le pattuglie impegnate nel controllo del territorio, sia nell’arco diurno che notturno, con la predisposizione di posti di controllo, soprattutto nel centro cittadino e nelle periferie dei centri urbani della giurisdizione. Durante l’attività svolta, in particolare nelle ultime 48 ore, nei comuni di Vittoria e Comiso, in cui sono state controllate 32 autovetture con a bordo 68 persone ed eseguite numerose perquisizioni personali e veicolari, nonché ispezionati alcuni esercizi pubblici del luogo. I carabinieri della stazione di Vittoria in ottemperanza del provvedimento di esecuzione di pene concorrenti e contestuale ordine di esecuzione per la carcerazione emesso in data 16 settembre dalla Procura Generale della Repubblica di Catania – Ufficio Esecuzioni Penali, Giovanni Stefano Tummino, di 32 anni, pregiudicato, poiché responsabile del reato di detenzione di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio commesso nel 2016. L’arrestato, dopo le formalità di rito, è stato condotto nel carcere di Ragusa, dove dovrà scontare 2 anni e 4 mesi di reclusione;

 



  • i Carabinieri della stazione di Vittoria su ordine di esecuzione per la carcerazione emesso in data 13 settembre dalla Procura Generale della Repubblica presso la Corte di Appello di Catania – Ufficio Esecuzioni Penali, Giuseppe Licata, 50 anni, operaio, pregiudicato, poiché responsabile del reato di detenzione di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio in concorso commesso nel 2016. L’arrestato, dopo le formalità di rito, è stato condotto nel carcere di Ragusa, dove dovrà scontare un anno, 4 mesi e 9 giorni di reclusione.

Immagine di repertorio