Succede a Catania e provincia: 7 dicembre MATTINA - Newsicilia

Succede a Catania e provincia: 7 dicembre MATTINA

Succede a Catania e provincia: 7 dicembre MATTINA

CATANIA – Ecco le operazioni condotte dai carabinieri a Catania e provincia:

  • i carabinieri della Stazione di Librino hanno arrestato il 20enne catanese Ivan Faro, in esecuzione di un provvedimento di sostituzione della misura cautelare emesso dal Tribunale di Catania. I militari infatti, nel corso dei controlli alle persone sottoposte agli arresti domiciliari, avevano più volte riscontrato come Faro fosse solito abbandonare la propria abitazione nonostante ciò fosse espressamente vietato dalla misura cautelare sofferta. Ragion per cui, a seguito della loro relativa comunicazione, l’autorità giudiziaria ha emesso il provvedimento d’aggravamento. L’arrestato è stato tradotto nel carcere di Catania Piazza Lanza;

Ivan Faro, 20 anni

  • i carabinieri della Stazione di Aci Catena, in esecuzione di un ordine per la carcerazione emesso dal Tribunale di Catania, hanno arrestato il 42enne catenoto Alfredo Reitano. L’uomo dovrà espiare la pena di 7 mesi di reclusione, poiché resosi responsabile del reato di atti persecutori, commesso in Aci Catena nel 2010. L’arrestato è stato tradotto nel carcere catanese di Piazza Lanza;

Alfredo Reitano, 42 anni

  • i carabinieri del Nucleo Radiomobile della compagnia di Palagonia, a Scordia, hanno arrestato il 21enne Brian Antony Fratullo, in esecuzione di un provvedimento di revoca degli arresti domiciliari e conseguente carcerazione, emesso dal gip del Tribunale di Catania. Il giovane infatti era già gravato dalla detenzione agli arresti domiciliari, ma i militari della Stazione di Scordia, nel corso di un controllo avvenuto il 17 novembre scorso, avevano trovato nella sua abitazione circa 7 grammi di marijuana. La conseguente refertazione all’autorità giudiziaria di quanto accaduto ha adesso determinato l’adozione del provvedimento. L’arrestato è stato tradotto nel carcere di Caltagirone;

Brian Antony Fratullo, 21 anni

  • i carabinieri del Nucleo Radiomobile della compagnia di Palagonia, a Ramacca, hanno arrestato il 45enne Giovanni Pappalardo, di Palagonia. L’uomo infatti, nonostante fosse sottoposto alla misura di prevenzione della sorveglianza speciale con obbligo di soggiorno nel comune di Palagonia, è stato intercettato dai militari in territorio ramacchese nel corso di un controllo. Pappalardo è stato posto agli arresti domiciliari;

Giovanni Pappalardo, 45 anni

  • i carabinieri della Stazione di Maletto hanno denunciato un pregiudicato di 48 anni del posto, resosi responsabile del reato di furto aggravato. L’uomo, gravato dagli arresti domiciliari nella propria abitazione, aveva pensato bene di manomettere i sigilli apposti sul contatore dall’azienda erogatrice del servizio. I militari pertanto, unitamente a personale della “21 Rete Gas S.p.A.”, hanno verificato la sussistenza dell’adduzione abusiva e conseguentemente denunciato l’uomo all’autorità giudiziaria.

Giuseppe Recca, 48 anni



Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com