Succede a Catania e provincia: 18 settembre MATTINA

Succede a Catania e provincia: 18 settembre MATTINA

CATANIA – Ecco le operazioni condotte dai carabinieri a Catania e provincia:

  • i carabinieri della squadra Lupi del Nucleo Investigativo del comando provinciale hanno arrestato nella flagranza un 20enne di Acireale, poiché ritenuto responsabile di detenzione finalizzata allo spaccio di sostanze stupefacenti. Sembra che piazzasse la cocaina ai clienti, raggiungendoli a bordo di un motociclo. Gli uomini della squadra Lupi lo hanno agganciato e pedinato proprio mentre a bordo di uno scooter si muoveva tra le vie della cittadina jonica, finché a un certo punto è sceso dal mezzo per entrare in un negozio di abbigliamento di corso Savoia. I militari, entrando nell’esercizio commerciale, i cui proprietari sono risultati assolutamente estranei al fatto reato, hanno bloccato il giovane sospetto che, perquisito all’interno di uno dei camerini di prova, è stato trovato in possesso di 11 dosi di cocaina e 225 euro in contanti, presumibilmente incassati dalla pregressa vendita dello stupefacente. La droga e il denaro sono stati sequestrati, mentre l’arrestato attenderà la direttissima agli arresti domiciliari;



 

  • i carabinieri della stazione di Riposto, in esecuzione di un ordine per l’espiazione di pena detentiva equivalente a un anno emesso dal Tribunale di Catania, hanno arrestato il 40enne ripostese Antonio Zammataro. Il provvedimento è conseguenziale al suo arresto operato dai militari nel luglio del 2016 quando i carabinieri, dopo averlo notato cedere droga ad alcuni assuntori, gli trovarono addosso alcune dosi marijuana e quindi, perquisita anche la sua abitazione, trovarono altri 10 grammi della medesima sostanza ancora da suddividere. L’arrestato, dopo le formalità di rito, è stato rinchiuso nel carcere di Catania Piazza Lanza.