Succede a Catania e provincia: 14 marzo MATTINA - Newsicilia

Succede a Catania e provincia: 14 marzo MATTINA

Succede a Catania e provincia: 14 marzo MATTINA

CATANIA – Ecco le operazioni più importanti condotte dai carabinieri e dalla polizia a Catania e provincia:

  • i carabinieri della compagnia di Catania Piazza Dante hanno arrestato un catanese di 16 anni, poiché ritenuto responsabile di spaccio e detenzione illecita di sostanze stupefacenti. Sono stati gli uomini del nucleo operativo, ieri sera, a osservarlo, mentre nella zona “B” del Villaggio Sant’Agata piazzava ai diversi acquirenti le dosi di “erba” in cambio di denaro. Gli operanti hanno prima fermato due compratori, trovati con ancora in mano le 4 dosi di marijuana appena acquistate, per poi bloccare il giovane pusher che, perquisito, nascondeva addosso circa 15 grammi di marijuana e 90 euro in banconote di piccolo taglio. La droga e il denaro sono stati sequestrati, mentre l’arrestato, assolte le formalità di rito, è stato associato al centro di prima accoglienza di via Franchetti

 



  • i carabinieri della locale stazione hanno denunciato un 20enne del posto, già gravato da precedenti di polizia specifici, poiché ritenuto responsabile di furto aggravato. A seguito di un furto messo in atto l’altra notte all’interno di un chiosco di via Principessa di Piemonte a Scordia, i militari, dopo la denuncia del titolare, hanno analizzato le immagini registrate dalle telecamere attive nell’esercizio commerciale e hanno indirizzato le indagini nei confronti del giovane. Infatti, perquisendo l’abitazione del sospettato, oltre a recuperare la refurtiva, i carabinieri hanno rinvenuto gli stessi pantaloni indossati dal ladro al momento del furto, così come fissato in un fotogramma estrapolato dalle riprese video esaminate. La merce rubata, del valore di oltre 500 euro, è stata restituita al proprietario

 


  • Nell’ambito del progetto “Scuole Sicure”, promosso dalla questura di Catania in base alle linee tracciate dalle direttive ministeriali, in tre scuole di grado secondario, gli agenti di polizia hanno svolto controlli antidroga con l’ausilio di due unità cinofile dell’ufficio prevenzione generale e soccorso pubblico. I cani antidroga Sky e Vite, all’interno di un istituto, hanno fiutato la presenza di sostanza stupefacente, con molta probabilità gettata via prima dell’arrivo degli uomini in divisa. Diverse le persone identificate e numerose le aule sottoposte a ispezione con il coordinamento del dirigente del commissariato di Nesima.

Per rimanere sempre aggiornato scarica la nostra app.