Stromboli, prosegue il monitoraggio dell’Ingv: “Non si escludono altre esplosioni o emissioni di lava”

Stromboli, prosegue il monitoraggio dell’Ingv: “Non si escludono altre esplosioni o emissioni di lava”

LIPARI – Lo Stromboli continua a rimanere sotto costante osservazione da parte degli esperti dell’Ingv. Nell’ultimo bollettino diffuso in data odierna, infatti, si parla di “attività persistente di tipo stromboliano di intensità ordinaria e discontinua attività di spattering” e “non è possibile escludere il verificarsi di esplosioni di intensità maggiore dell’ordinario e\o emissioni laviche” rispetto a quelle che sono state registrate in questi giorni.

Nel caso in cui si verificassero fenomeni piovosi di forte intensità – continua l’Ingv – non è possibile escludere la formazione di lahars in seguito alla rimobilizzazione dei depositi piroclastici dei parossismi del 3 luglio e del 28 agosto 2019“.



I lahars, nello specifico, sono delle colate di fango composte da materiale piroclastico e acqua che scorrono lungo i fianchi di un edificio vulcanico.

Gli esperti, inoltre, continuano a osservare “ordinaria attività stromboliana da più bocche” del vulcano. Nelle ultime 24 ore, gli osservatori dell’Ingv hanno registrato circa 25-30 eventi esplosivi che hanno generato l’espulsione di lapilli e bombe.


Immagine di repertorio