Spaccio, estorsioni e truffe: le operazioni dei carabinieri di Catania

Spaccio, estorsioni e truffe: le operazioni dei carabinieri di Catania

Coppia prende di mira un disabile sottraendo soldi e oro

LINGUAGLOSSA – Promettevano posti di lavoro a un 45enne disabile. Erano riusciti persino a farsi consegnare gioielli in oro e denaro contante per un valore complessivo di 2500 euro. Lui un catanese di 42 anni, lei una messinese di 45 avevano architettato una truffa e guadagnato la fiducia del malcapitato, millantando la prospettiva di un futuro migliore.

I genitori del truffato non avevano capito la gravità del problema. Il sospetto è nato quando il figlio ha improvvisamente iniziato a rifiutare il cibo. Insospettiti, si sono rivolti ai carabinieri per cercare di capire se qualche malintenzionato avesse avvicinato o infastidito in qualche modo l’uomo.

Con professionalità e sensibilità, i militari hanno avvicinato la vittima e sono riusciti a farsi confidare la brutta storia. Dalla descrizione delle fattezze fisiche, gli investigatori, hanno intuito di chi potesse trattarsi.

Per questa ragione hanno deciso di organizzare un incontro monitorato, con la finalità di riscontrare la falsa promessa del posto di lavoro e procedere ad una loro compiuta identificazione. 

Alla fine dell’incontro, hanno bloccato la coppia che aveva già venduto il “bottino” all’esercizio commerciale “Compro Oro”.

Compro oro

I carabinieri, allora, hanno raggiunto il negozio indicato recuperando molti dei gioielli truffati alla vittima. Così, sono riusciti a riconsegnare parte degli oggetti in oro alla vittima e ad arrestare gli impostori.

Spaccio di cocaina: in manette un giovane romeno

CATANIA – Un pusher con l’ingegno imprenditoriale è George Laurentiu Truska. Il 20enne di origini romene, infatti, vendeva la cocaina con uno stratagemma infallibile… o quasi: scatole con una calamita.

Trusca Gheorghe Laurentiu

Pare che il giovane avesse costruito due scatole della grandezza simile a quella di pacchetti di sigarette al cui interno era presente una calamita che aderiva perfettamente ai portoni o ai pali.

pippotti cocaina Tale “attrezzo” permetteva allo spacciatore di effettuare gli scambi senza trasportare mai con sè la droga e quindi che potesse agire indisturbato. 

Dopo mesi di osservazioni e pedinamenti i carabinieri della compagnia di piazza Dante sono riusciti a beccare il ragazzo con 30 dosi di cocaina e arrestarlo per poi rinchiuderlo nel carcere di piazza Lanza.

Dammi 200 euro e ti restituisco l’auto: arrestato estortore

GRAVINA DI CATANIA – “Vi prego, ho bisogno di aiuto”. Sono queste le parole che l’artigiano 51enne, a cui il 27 febbraio scorso era stata rubata la macchina nella zona dell’ospedale Garibaldi di Nesima, ha pronunciato ieri entrando nella caserma dei carabinieri di Gravina. 

Pare che il malcapitato, accompagnato da un amico, avesse cercato di recuperare la propria auto lo stesso giorno del furto andando nella zona di piazza Mercato a Monte Po. Li avrebbe incontrato dei giovani a cui avrebbe descritto il proprio mezzo. Immediata la risposta: “Se rivuoi la macchina devi darci 200 euro”. A quel punto l’artigiano avrebbe intanto consegnato 90 euro con la promessa di restituire il resto della cifra nei giorni a seguire in modo da riottenere subito la propria auto. 

Da quel momento è iniziato il calvario del 51enne che, quasi da subito, ha ricevuto telefonate che lo intimavano a “rispettare i patti”.

Ieri, dopo aver fissato un appuntamento al bar di un distributore di benzina a Gravina con gli estortori per saldare il conto, l’artigiano, preso dallo sconforto, ha deciso quindi di contattare i carabinieri per denunciare il 27 enne Concetto Ventimiglia che è stato arrestato in un blitz mentre riscuoteva il pagamento.

VENTIMIGLIA_CONCETTO_12011988_3105_ITALIA

Succhi di frutta e brioscine acquistate con 50 euro falsi: arrestate due spacciatrici di lungo corso

SANT’ALFIO – Viaggiavano a bordo di una Mercedes Classe A e spacciavano banconote false. Parliamo di due donne, Grazia Restivo di 29 anni e Fortunata Restivo di 40 anni, che hanno fatto scattare l’allarme nella zona jonica.

RESTIVO Fortunata nata Adrano il 15.11.1974 RESTIVO Grazia, nata Biancavilla 22.01.1986

Le due furfanti sono state seguite dal comandante della stazione di Sant’Alfio che le ha colte sul fatto guardandole dalla vetrina di un supermercato. Non appena una delle due donne ha mostrato di essere intenzionata a pagare il conto con il denaro falso, è stata bloccata dal maresciallo che con l’aiuto dei suoi uomini le ha accompagnate in caserma. 

Sorvegliato speciale in manette: declina false generalità

MINEO – È venuto meno al suo obbligo di soggiorno il sorvegliato speciale Fabio Pastore, 37 anni di Palagonia.

PASTORE Fabio, nato Catania il 31.01.1978

L’uomo è stato bloccato mentre era alla guida della sua auto e cercava di attraversare il paese. Al momento dei controlli Pastore ha cercato di fornire false generalità e adesso è tornato alla sua condizione di arresti domiciliari.

 

 

Commenti