Sicurezza stradale: pedoni a rischio per residenti e commercianti di via Leopardi e piazza Ariosto

Sicurezza stradale: pedoni a rischio per residenti e commercianti di via Leopardi e piazza Ariosto

CATANIA – A seguito delle tante segnalazioni e proteste, il Comitato Cittadino Vulcania vuole portare alla luce un problema che ultimamente sta diventando per i residenti e commercianti di via Giacomo Leopardi e Piazza Ludovico Ariosto sempre più sentito che riguarda la sicurezza stradale per i pedoni.

Con i sopralluoghi effettuati dal Comitato, eseguiti nel quartiere Ognina-Barriera-Canalicchio e non solo, hanno riscontrato che esiste un grande disagio per i pedoni intenzionati ad attraversare la strada nel tentativo di restare incolumi.

Il comitato propone e chiede alla Direzione Mobilità e Viabilità del Comune di Catania un provvedimento viabilistico con interventi di adeguamento e installazione delle strisce pedonali rialzate a led sull’asfalto in corrispondenza delle strisce pedonali tra via Giacomo Leopardi e Piazza Ludovico Ariosto.

Sulla questione è intervenuto il presidente del Comitato Cittadino Vulcania, Angela Cerri: “Ritengo ci sia bisogno di adottare nuovi e diversi dispositivi di moderazione del traffico e della velocità dei veicoli al fine di mettere in sicurezza i pedoni soprattutto in prossimità di attraversamenti scuole, aree verdi, principali piazze/larghi, ospedali/case di riposo, aree di aggregazione e ricreazione.



La particolarità dell’attraversamento pedonale è nel rialzamento di cinque centimetri in materiale termoplastico lungo le strisce stesse e il led luminoso, due accorgimenti che hanno come finalità l’invito agli automobilisti a rallentare e che le renderà visibili anche a lunga distanza. È un problema serio nel quartiere con le conseguenze di ordine pratico che sono facilmente intuibili, anche e soprattutto per la massima sicurezza.

Ogni anno gli incidenti sono sempre più frequenti, – continua la Cerri – per la prima volta a Catania si potrebbero mettere delle strisce pedonali a led, in questo modo renderemo l’attraversamento pedonale più sicuro, grazie ai pannelli luminosi installati direttamente sull’asfalto in corrispondenza delle strisce pedonali rialzati.

Poi il prossimo passo potrebbe essere quello di valutare l’utilizzo delle strisce pedonali a led anche in altri punti dei sei quartieri della città per rendere più sicuri gli incroci più pericolosi. Si propone di realizzare uno studio per mappare le zone ove poterli, eventualmente, realizzare. Si spera che ogni richiesta, ogni segnalazione, ogni proposta e ogni comunicato stampa del Comitato non siano lasciati cadere nel vuoto e che la neo-Amministrazione comunale non sia latitante”.