Scoperta discarica abusiva ad Acate: arrestati quattro agricoltori

Scoperta discarica abusiva ad Acate: arrestati quattro agricoltori

ACATE – Nel corso di una attività ispettiva che ha interessato un’area privata di oltre 5.000 mq, i carabinieri di Ragusa hanno rinvenuto una discarica abusiva adibita allo smaltimento di rifiuti speciali.

La scoperta, motivata dal potenziamento dei controlli atti a reprimere i reati di natura ambientale in tutto il territorio ragusano, nonché a prevenire il cosiddetto fenomeno delle fumarole, è avvenuta in contrada Fossa Nera.

L’intera area adibita a discarica abusiva è stata così sequestrata. L’operazione si è conclusa dopo una breve fase di monitoraggio. I carabinieri, dopo un sopralluogo, hanno potuto osservare con attenzione i rifiuti lì presenti: terre e rocce da scavo, rifiuti inerti, plastici ed organici. A preoccupare i carabinieri e gli ambientalisti, sono comunque le ceneri ed i residui di combustione di materiali plastici. L’incenerimento degli stessi provoca infatti lo sversamento del terreno di sostanze ritenute altamente nocive per la salute dell’ambiente circostante e della popolazione del luogo: diossina e policlorobifenili sono in particolare responsabili dell’inquinamento delle falde acquifere, idrocarburi policiclici invece contaminano l’aria.

La maggior parte dei rifiuti, con buona probabilità, proveniva da serre limitrofe: i proprietari delle stesse, piuttosto che liberarsi dell’immondizia seguendo il normale iter di smaltimento ha preferito liberarsi dei materiali di scarto seguendo procedure illecite.

Le autorità hanno quindi denunciato a piede libero quattro cittadini originari di Vittoria proprietari del territorio adibito a discarica abusiva. Questi, sottoposti ad interrogatorio dall’autorità giudiziaria, sono stati accusati di abbandono e smaltimento illecito di rifiuti speciali con emissioni diffuse in atmosfera di polveri. Intanto la discarica abusiva è tuttora sotto sequestro: nella zona infatti verranno effettuate delle indagini atte a definire la gravità dei fenomeni inquinanti. Ulteriori controlli nel ragusano verranno effettuati nei prossimi giorni.

Commenti